Visualizzazione post con etichetta chiese. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta chiese. Mostra tutti i post

Gomera, storie di Madonne e di conquistadores

San Sebastian de La Gomera,  10 Ottobre 2019  

    La leggenda narra che dei marinai su un galeone diretto alle Americhe avessero visto una luce fortissima su un promontorio a nord del porto spagnolo di San Sebastian de la Gomera. Incuriositi sono scesi a terra e hanno trovato tra le rocce una statuetta della Vergine. L'hanno presa e caricata a bordo pensando forse che era di buon auspicio. Invece no, non sono riusciti ad andare oltre l'isola della Gomera. Quindi l'hanno riportata al suo posto e avvertito del fenomeno il governatore locale che immediatamente fatto costruire un cappella per ospitare la Madonnina. Cosi' nel 1542 e' nata l'Ermita di Puntallana (l'Eremo di Puntallana) e il culto della Virgen de Guadalupa come patrona della Gomera che viene adorata ogni anno nel primo lunedi' di  ottobre. Mentre ogni cinque anni si tiene una grande processione in mare chiamata "bajada", cioe' una "uscita in barca" della statua dall'eremo alla vicina citta' di San Sebastian).
La Vergine di Guadalupe, una Madonna 'morenita', meticcia, la cui origine  e' legata a una apparizione in Messico all'epoca dei conquistadores, e' una delle figure piu' importanti nella tradizione reliogiosa sudamericana. Anzi, pare sia stata funzionale anche alla stessa evangelizzazione del continente americano. L'atzeco che nel 1531 ha ricevuto l'apparizione della Madonna e' stato santificato 17 anni fa da Giovanni Paolo II durante una sua visita pastolare in Messico.
Ho letto che secondo gli storici la statuetta della Vergine gomerese (diversa da quella originale di Guadalupe perche' tiene in braccio il bambino, mentre quella messicana e' incinta) sarebbe un opera fiamminga forse da Siviglia. La connessione con Guadalupe non e' chiara, forse il conte della Gomera aveva delle conoscenze tra i nobili spagnoli che si erano stabiliti in Messico. Ovviamente essendo la Gomera l'ultima isola sulla rotta delle Americhe, tanto da chiamarsi oggi l'isola colombina, aveva una speciale relazione con il continente sudamericano.
   Durante la processione la gente si esibisce in danze locali al ritmo di tamburi e delle grosse nacchere, chiamate "chacharas", molto probabilmente appartenenti alla tradizione pre ispanica dei guanci o dei berberi.
   La strada e poi il sentiero per Puntallana, circa 10 km, e' costellata di strapiombi che scendono in un promontorio piatto ricoperto di una pianta autoctona che si chiama Euphoria.

Diario da Islamabad/2 - A Messa nella piu’ antica chiesa di Rawalpindi

Islamabad,  5 giugno 2016

   Oggi sono andata a messa nella chiesa di Christ Church, a Rawalpindi, che e’una delle piu’ antiche della zona perche’ e’ stata costruita nel 1852 dagli inglesi. Era la chiesta della guarnigione britannica di Rawalpindi e di fatti all’interno ci sono targhe commemorative di marmo e di ottone di soldati inglesi uccisi in diverse battaglie nella regione di frontiera del Nord Ovest dal 1850 al 1940, esattamente dove ora gli americani insieme ai pachistani combattono i talebani. Ma ci sono anche militari morti di malattie tropicali.
   La chiesa e’ in stile gotico ed ha uno splendido soffitto a capriate in legno, ma l’esterno ha bisogno di restauro. La comunita’ cristiana protestante e’ di appena 400 anime. Alla Messa in urdu, il pastore ha ricordato il compleanno di alcuni parocchiani. E’ stata una classica celebrazione, ma con una curiosa differenza che mi ha stupito. I fedeli sono andati scalzi a ricevere la Comunione. Non so se e’ un’influenza mussulmana.
   La minoranza Cristiana in Pakistan, meno del 2%, e’ sotto tiro degli estremisti. All’ingresso di fatti ci sono guardie armate. Io ho destato molti sospetti perche’ non mi avevano mai visto...ma dopo aver controllato i miei documenti non ci sono stati problemi.
   La chiesa sorge nel quartiere di ‘lal kurti’ (giubba rossa), perche’appunto c’erano gli inglesi. Non a caso a poche centinaia di metri c’e’ il quartier generale dell’esercito, una vera fortezza e in passato nel mirino di attentati e residenza dell’ultimo dittatore pachistano, il generale Pervez Musharraf, ora in esilio a Dubai. Leggo che nella zona sono rimasti edifici dell’epoca britannica.
   A poca distanza c’e’ anche la cattedrale di San Joseph, che e’ della diocesi di Rawalpindi-Islamabad composta da 250 mila cattolici. Era chiusa, quindi non sono entrata, ma ho chiesto il permesso di fare una foto per il mio progetto di documentare la presenza cristiana nel subcontinente indiano.