Visualizzazione post con etichetta hauz khas. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta hauz khas. Mostra tutti i post

Alla scoperta di New Delhi 5 / Hauz Khas, il `lago reale`

New Delhi, 2 aprile 2017

   Il parco del complesso monumentale di Hauz Khas, a sud Delhi, e` il mio cortile di casa...e` dove vado a correre, passeggiare e ricrearmi. Quindi lo conosco a menadito, ma mi rendo conto che invece e`completamente ignorato dai turisti. Per molti, questo e` uno dei piu` bei parchi di Delhi, dopo il piu` famoso Lodi Garden.
   Le rovine di Hauz Khas risalgono al periodo medioevale, XIII e XIV secolo,  e anche queste come quasi tutti i monumenti di New Delhi appartengono ai sultani mussulmani. Spesso, penso che se a New Delhi e` rimasto qualcosa di verde, e` proprio grazie agli invasori islamici.
Leggo che il nome di Hauz Khas ha un origine persiona. Haus significa `water tank` e khas `reale`.
Quindi e` il `lago reale`.
   Il laghetto artificiale che e` situato in mezzo al parco e` infatti la principale attrazione. ‘Hauz Khas is so large that an arrow cannot be shot from one side to the other’ scriveva il guerriero uzbeco Timur dopo aver catturato il Sultanato di Delhi nel 1938.
    D`inverno e` pieno di anatre e uccelli migratori, mentre d`estate e` di un verde scuro perche` e` invaso dalle alghe. Sembra uno stagno, nonostante i continui trattamenti della municipalita` e delle fontane che ossigenano l`acqua. Ma ha il suo fascino. Da alcuni anni ci sono delle oche. In mezzo al bacino c`e` una isoletta che lo rende molto scenico,
    Il complesso archeologico e` formato da diverse tombe e dai resti di una `madrassa`, Spicca in particolare la tomba di Feroz Shah (1309-1388), della dinastia dei Tughlaq, uno dei tanti sultani di Delhi che ha costruito molti  palazzi tra cui il Feroz Shah Kotla (prima del Forte Rosso), ma ha anche raso al suolo tutti i templi hindu. La sua anima riposa nell`edificio piu` grande ad angolo tra frotte di innamorati e studenti che affollano le rovine di Hauz Khas Village e il parco sottostante.
   In realta` il laghetto era stato scavato da un altro sultano precedente, Allauddin Khilji (1296-1316) per dissetare la citta` di Siri, una delle `sette citta`` di Delhi. 
    Il mio posto preferito, nel parco e` la Munda Gumbad, una misteriosa costruzione senza cupola che sorge su una collinetta, che in origine era in mezzo al bacino, ora molto piu` piccolo.
   Il fatiscente villaggio di Hauz Khas, a cui si accede dal parco, e` oggi il centro della vita notturna della capitale. Attraverso un passaggio si entra nell`adiacente Deer Park (detto cosi` perche` ci sono i cerbiatti) dove sorgono altre tombe e rovine. 

Il posto piu' cool di New Delhi? Social a Hauz Khaz, meta' ufficio e meta' disco pub

New Delhi, 20 settembre 2014
Il posto più cool di New Delhi? Senza dubbio Social, il nuovo locale di Hauz Khaz Village, il quartiere bohemienne della capitale diventato da qualche anno il luogo di incontro e divertimento per giovani e stranieri.
   A quanto ho capito, Social è una caffetteria e ristorante che di sera si trasforma in disco pub. Il principio è di creare un luogo di incontro “off line” (vedi la pubblicita’qui). Quindi grandi tavoli dove ci si siede insieme, salottini, wi fi, prese per la corrente, salette piu’ appartate e ovviamente anche dei banconi bar.
Dalle finestre si vede il laghetto artificialedi Hauz Khas e le tombe dei sultani. Il posto è un dei più belli di New Delhi secondo me. E mi chiedo come possano avere avuto il permesso di aprire dei locali, praticamente a fianco di rovine dell XIII secolo.
   Onestamente non mi piace il modo in cui si si sta trasformando Hauz Khaz Village, ma ammetto che il Social è veramente trendy e lo è anche la gente che lo frequenta. E’ la nuova e giovane India, ovviamente quella ricca, ma che nessuno racconta perché di questo Paese purtroppo si raccontano sempre i soliti stereotipi.
   L’idea del fondatore, Riyaaz Amlani, e’ seguire il nuovo trend del co-working che, complice la crisi economica e grazie a internet, sta rivoluzionando il nostro modo di lavorare. Basta con l’ufficio, si puo’ lavorare al bar insieme ad altri “colleghi” casuali.
   Io stessa, inconsapevolmente, lo pratico da anni. Quante ore ho passato al Barista o a Open Hands (alla scuola americana) a scrivere sul mio laptop tra il chiasso, la musica e con interminabili cappuccini. E quanta gente ho incontrato. Quando entro al Coffee Day di Khan Market o la sensazione di entrare in redazione.
   Il concetto in fondo è molto vecchio... Si pensi ai caffe’ parigini dove si incontravano artisti e intellettuali.
   Ma il bello qui è che alla sera, il 'co-ufficio' si trasforma in disco pub e invece dei caffe’ compaiono birre e cocktail serviti in bicchieri alti mezzo metro con diverse cannucce, anche qui per socializzare.
   Come dicevo prima, Hauz Khaz e’ diventato il posto di ritrovo per eccellenza. C’è una corsa ad aprire ristoranti, negozi e pub alla moda, ovviamente senza un minimo di criterio estetico e soprattutto norme di sicurezza. Se lo si guarda bene, oltre le insegne e le vetrine, il posto è una baraccopoli. I locali sono incastrati l’uno dentro l’altro che si fa fatica a capire dove si entra. Molti hanno come accesso delle scalette minuscole in barba a qualsiasi norma antincendio.
   Poi, puntuali a mezzanotte e mezza, arrivano le camionette della polizia a far rispettare l’ordine di chiusura. Tutti a dormire. E’ bello vedere la fiumana di ragazzi indiani e non indiani, barcollanti, in strada, che a malavoglia tornano a casa.