Visualizzazione post con etichetta corrente elettrica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta corrente elettrica. Mostra tutti i post

Blackout bis, ma l'India regge anche stavolta

E' un classico che in India i guasti non si riparino mai al primo colpo.  E cosi' dopo 24 ore il blackout si e' ripetuto. E questa volta con effetto domino sulle altre linee dell'alta tensione che servono Calcutta e gli altri posti del nord est.  I numeri sono stati ancora piu' impressionanti: 600 milioni di persone senza luce, anche se non saprei quanti di questi abbiamo una lampadina in casa. Il piu' grande blackout della storia dell'umanita'. Un record olimpico insomma conquistato dall'India che a Londra ha finora soltanto rimediato un bronzo.
Ovviamente e' facile oggi fare ironie sulla nuova ''super power'' (super potenza) senza ''power'' e sullo sviluppo caotico e disordinato dei giganti asiatici.
Non nego che ''la madre di tutti i blackout'' non abbia portato gravi disagi ai cittadini, pendolari, malati negli ospedali e perfino i poveri minatori di carbone del Bengala bloccati nel sottosuolo e poi tirati fuori soltanto dopo ore.
Ma sono davvero convinta che un guasto del genere, possibilissimo anche nei Paesi avanzati (ricordiamoci cosa e' successo in Giappone con le centrali piu' ''sicure'' del mondo) avrebbe sicuramente creato un caos inimmaginabile con conseguenze tragiche.
Lo ricordo, i blackout fanno parte della vita quotidiana in India, in Pakistan (13 o 14 ore al giorno a volte) , Nepal e Bangladesh. Ce ne sono stati anche di piu' lunghi. Mi ricordo in periferia di Delhi di essere stata tre giorni senza corrente. Per inciso, la Borsa di Mumbai ieri ha perfino chiuso in rialzo.
Miracolosamente (o forse e' normale?) anche i computer e i call center di Gurgaon hanno retto. Dall'outsourcing dipendono le banche della City londinese. Si immagini che succede se vanno in tilt. L'era digitale dipende sempre dalla vecchia elettricita'.
Invece di dare addosso all'India, invece bisognerebbe cominciare a riflettere sulla nostra interdipendenza tecnologica e sulle cosiddette ''criticita'''.  Un guasto in India, polo informatico mondiale, non e' solo un problema d'immagine per New Delhi, ma mette in gioco la sostenibilita' del nostro modo di vivere.

Blackout per 350 milioni in India. E quei 404 milioni che non hanno la corrente?

Il blackout che ieri ha interessato sette stati del Nord dell'India e 350 milioni di persone ha colpito l'immaginario collettivo mondiale. ''L'India al buio'', ''New Delhi come New York nel 2003'' e perfino il corrispondente da New York de La Repubblica, Federico Rampini, che oggi decretava ''L'India in panne'' dopo avere lui stesso qualche anno fa celebrato l'arrivo della nuova ''superpotenza indiana''.

Mi sono ricordata di una cosa: 404 milioni di indiani non hanno la corrente elettrica, ovvero il 36% della popolazione secondo dati 2010 dell'International Energy Organization (qui c'e' un ottimo rapporto sullo stato dell'energia in India). I piu' fortunati hanno forse un generatore diesel, gli altri lampade a olio oppure vanno a dormire con le galline. Questo fa degli indiani i campioni dell'ecologia.
Nella nostra era super tecnologica, i blackout sono sempre uno shock che ci ricordano di quando l'umanita' viveva al ''fresco'' delle caverne. Anche io a New Delhi, come altri 350 milioni , mi sono svegliata nel cuore della notte in un bagno di sudore perche' si era spenta la ventola a soffitto. Rigirandomi nel mio sudario ho aspettato invano che tornasse come succede sempre dopo un'oretta o due. Mi sono poi svegliata dopo le 8 con le voci del vicinato che era allegramente in strada a prendere aria. La famiglia dirimpettaia stava facendo colazione davanti al cancello. Sui tetti delle case piu' abbienti sentivo il rumore dei generatori diesel.
Con quello che restava della batteria del mio laptop ho mandato all'Ansa la notizia dei ''350 milioni al buio'' che averebbe poi accompagnato il risveglio degli italiani e dominato nei TG del giorno.
Poi mi sono messa in strada, facendo attenzione ai semafori spenti, per raggiungere l'ufficio dove c'era ventola e computer accesi grazie a potenti batterie sul pianerottolo. Piu' o meno tutte le case hanno un sistema di back up per sopravvivere alla cronica carenza di energia e agli sbalzi di tensione. Nessun panico quindi e neppure penso un aumento di concepimenti come a New York...

ULTIME: Primo black out di stagione (durante gli exit polls)

Stavo ascoltando via internet la diretta elettorale su Rai Uno e leggendo di un convegno giovedì prossimo sulla cooperazione tra India e Italia nelle nanotecnologie, quando la corrente ha cominciato a dare di matto. Sembrava la casa degli spiriti, la luce si affievoliva e poi ritornava abbagliante. Gli stabilizzatori di tensione, che per fortuna facevano il loro lavoro, facevano tic tac in continuazione. La voce di Gasparri, intervistato in quel momento, è diventata un rantolio digitale prima di cessare per sempre. Requiem da exit polls. I cani fuori si sono messi a latrare. Una lampadina non ce l’ha fatta ed è scoppiata. Sono riuscita a disconnettere il telefonino dal caricatore appena in tempo. Un ultimo tenue bagliore e come se avesse esalato l’ultimo respiro la casa è sprofondata nel buio e con essa tutto il quartiere. Il silenzio assoluto è durato per pochi istanti poi sono partiti alcuni generatori ma in lontananza.
Per fortuna il caldo è ancora sopportabile. Non ho acceso ancora l’aria condizionata in casa, io sono al piano terra. mentre l’inquilino del secondo piano l’ha già fatto. Però avevo acceso il ventilatore a soffitto e, in effetti, adesso ne sento la mancanza. L’unica fonte di luce è lo schermo azzurro del portatile sui cui continuo a scrivere.
Con l’estate è arrivata anche la stagione dei black-out. Nonostante le promesse, a New Delhi la domanda di corrente continua a superare l’offerta, almeno così si dice, e quindi ogni tanto, scatta il razionamento. Ormai ci siamo abituati, dico “noi” immigrati da lunga data, Chi ha il gruppo elettrogeno, chi un “inverter”, delle grosse batterie che reggono sei o sette ore. La domanda di corrente sta crescendo anche perché cresce la popolazione, anche se molti uffici sono ora nelle città satelliti di Gurgaon e Noida. Sono però convinta che il problema sta nelle infrastrutture, nella rete di distribuzione che è in condizioni penose. E’ un dato di fatto, anche se non se ne parla molto, di certo non ai convegni sulle nanotecnologie, Non so quanto durerà il black-out, forse un’ora o forse due. Così al buio e silenzio cosi alche le elezioni in Italia diventano un fatto del tutto insignificante.

PS La corrente è ritornata alle 4 di notte. Sono stata accecata dalle luci che avevo dimenticato di spegnere.