Visualizzazione post con etichetta cristiani. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cristiani. Mostra tutti i post

ALLA SCOPERTA DI NEW DELHI 8 /Il cimitero armeno e la `cappella` di Kishan Gunj

New Delhi, 24 maggio 2017 

(Questa visita fa parte del mio progetto di documentare i luoghi della Cristianita` in India e di realizzare una guida di viaggio)

It is one of the neglected heritage of New Delhi, victim of the indifference and ignorance but also of an overcrowded city. The Armenian chapel and the annexed cemetery in Kishan Gunj, in the old Delhi, near a railways station with the same name, are the only surviving signs of the presence of a Christian community before the British, in the Mughal time.
There are the oldest Christian tombstones in New Delhi dating back to the XVIII century.  
The place is under the authority of the Archaeological Survey of India (ASI) according to a sign board on the road.

The chapel is now used by the Anglican Church (Csi) and a Mass is celebrating every Sunday.
Around 50 Christian families live in the buildings erected on the historical site.   
Therefor the cemetery is presently ‘hidden’ in the courtyards and it is not directly accessible by the visitors.  But the residents are usually kind and allow you to enter in their houses.  
   A marble slab on the outside wall of the chapel reveals the presence of a cemetery. During my visit the slab was behind a cupboard in a room used by the Christians. A boy showed it to me after moving the piece of furniture.
The inscription reads:
“Armenian Cemetry (sic), Rama Park, Kishan Gunj, Delhi-6`` and then ``Trustees Armenian Association, 5 Outram Street Calcutta-16”.
It was made in 1962 in occasion of a visit of an Apostolic delegate of the Catholicos of all Armenians. Strangely it does not mention the chapel.

Very little is known about the history of the Armenians in Delhi. According to the website of the Armenian College and Philanthropic Academy of Kolkata, the oldest grave in this cemetery dates back to 1787. But nowadays there is no trace.
According to the old records, one `Father Stephanus was the priest in 1713`.
The same source informed that `during the sack of Delhi in 1739 by Nadir Shah, the marauding army devastated the city and only a small Armenian cemetery and the Martyr’s Chapel attached to it escaped destruction`.
In a paper on the Armenians in Mughal Delhi, published "Journal of the Society for Armenian Studies" 15 (2006): pp. 177-187, the Muslim scholar Omar Khalidi has shed some light on the history of the tombstones. Also gives a list of inscriptions with the translation, but almost all of them are disappeared. (see the list)
The `chapel` is known also as the mausoleum of Manuel D`Eremao (1744-1829), an officer of Portuguese origin who was at the court of Mughal and that was in charge of the Fort of Hansi.
His tomb, built in Mughal style, was at the centre of the cemetery and it is possible that it was the today `chapel`.  Even the cemetery is mentioned by different author as D`Eremao cemetery.
It is likely that the `Armenian cemetery` was in reality a graveyards for the many Europeans at the service of Mughals, like the old Catholic Cemetery in Agra.
But differently from Agra where the site is still preserved, the Delhi Christian cemetery was encroached after the Partition of 1947 with the huge influx of refugees from Pakistan.
In 2006, the researcher Omar Khalidi located 15 tombstones. The Armenian inscription were all disappeared, the one in Persian were no more readable.
During my visit I spotted three tombs, only one with a cross, in bad shape, in a courtyard full of utensils and flowers pot.   


Malayattoor (Kerala), i tagliatori di croci

Kochi (Kerala), 24 gennaio 2017
   Per il mio progetto di una guida sul Cristianesimo in India, sto facendo il `giro delle sette chiese`in Kerala alla scoperta, per l`appunto, delle sette chiese fondate da San Tommaso, l`apostolo che secondo la tradizione e` venuto in India a predicare la nuova religione.

   E` straordinaria la diffusione in Kerala di un cristianesimo che risale al II-III secolo e che si rifa` alla chiesa d`Oriente nata in Mesopotamia. Non ci sono prove storiche o reperti archeologici che possano in qualche modo provare l`arrrivo di San Tommaso sulla costa del Malabar, all`epoca fiorente centro commerciale per lo scambio delle spezie e popolata da ebrei rifugiati. Ma la presenza di comunita` dei `nasrani` (Cristiani siriaci o Cristiani di San Tommasoi) che seguivano rituali in siriaco potrebbe davvero far pensare alla venuta di uno o piu` missionari agli albori del Cristianesimo. Non si dimentichi poi che San Tommaso sarebbe stato ucciso in TamilNdu e di questo martirio ne parlano in tanti, compreso Marco Polo.

   Insomma sono convinta che il Cristianesimo sia arrivato qui forse prima che a Roma e per questo ho deciso di scrivere una sorta di `Christianity Circuit` in India.
   Seguendo le tracce di St Thomas, lungo il fiume Periyar e altri che all`epoca erano le vie del commercio, ho scoperto molte  bellezze nascoste.
    Oggi sono andata in un famoso centro di pellegrinaggio a Malayattoor dedicato a San Tommaso che qui si sarebbe rifugiato mentre andava in Tamil Nadu. La leggenda narra che alcuni abitanti abbiano visto una `croce d`oro` e delle rocce che grondavano sangue nel luogo dove l`apostolo si era fermato. C`e` una collina che si chiama Kurishimudi che si raggiunge con circa 40 minuti di marcia su un sentiero tra alberi di mogano. Al Venerdi` santo si sale in processione per la via Crucis. In cima c`ea una storica  cappelle dedicata alla croce d`oro di Tommaso e ci sono anche le sue `impronte` sulla roccia.
    Ma la cosa divertente e` il `cimitero` delle croci abbandonate lungo il bosco. Sono decine, di tutte le dimensioni, e recano scritte della parrocchia di provenienza. Quando sono arrivata c`erano dei taglialegna al lavoro che tagliavano le croci con una sega elettrica facendone tronchetti buoni per il caminetto. Probabilmente e` una consuetudine per loro. Ripuliscono l`area in vista del prossimo pellegrinaggio, ma l`operazione e` di sicuro inusuale e anche divertente. I tagliatori di croci, anche quello un mestiere...

Proibizionismo, il Bihar vieta anche il vino della Messa

New Delhi, 19 agosto 2016

   L'India sta diventando sempre piu' proibizionista. Non solo per quanto riguarda la carne di mucca, animale sacro per gli induisti e al centro dell'agenda dei radicali indu' del partito di governo del Bjp. Ma anche per l'alcol. Gli indiani sono forti bevitori, soprattutto di "whisky pani" (whisky allungato con acqua) e il monopolio dei liquori assicura gigantesce entrate per le casse degli Stati federali. Ma l'alcolismo e' anche un problema di ordine pubblico. Ed e' direttamente proporzionale alle violenze sessuali.
   Il Gujarat, lo stato del premier Narendra Modi e del Mahatma Gandhi, e' il  'Dry State' per eccellenza. Significa che la produzione, vendita e consumo di alcolici sono proibita. Manco gli aerei che sorvolano il Gujarat servono alcol a bordo.
    L'alcol e' poi proibito nel piccolo stato nord orientale del Nagaland e nell'arcipelago delle Laccadive, davanti al Kerala. Lo era fino a pochi mesi fa anche in Mizoram, un altro Stato nord orientale.
    Dal Primo aprile il Bihar, uno dei mega stati indiani e con una pessima fama per via dell'alto tasso di criminalita', ha imposto il proibizionismo. Ma come sempre qui in India sono andati oltre il buon senso.  Applicando alla lettera la legge, le autorita' del Bihar hanno anche proibito il vino della Messa o "Altar wine" come si chiama in inglese. Quindi nelle circa 150 chiese dello Stato adesso il prete fara' la Comunione con un succo, a meno che non abbiano scorte di vin santo.
   Il divieto riguarda in realta' una piccola azienda vinicola di un istituto tecnico cristiano di Patna, il capoluogo a cui e' stata revocata la licenza (qui c'e' la storia). A quanto pare in un primo  momento la produzione di vino era stata permessa per motivi religiosi.
    Il Bihar e' lo stato di Nitish Kumar, un potente leader regionale, di quelli che hanno i "partiti casta", non simpatizzante del partito indu nazionalista del Bjp. Non penso ci sia una precisa intenzione di penalizzare la minoranza cristiana. Leggo che la Chiesa intende protestare con il governo centrale sottolineando che il vino serve per il rituale della Comunione...e non per ubriacare  i fedeli.
   In effetti per uno che non sa nulla di Cristianesimo la cosa e' abbastanza bizzarra,  Anche se - mi sembra - che pure a qualcuna delle centinaia di divinita' indiane venga offerto dell'alcol e non mi sorprende data la varieta' di 'puje' (offerte) e rituali esistenti.
    La proibizione, poi,  non ha mai funzionato se si guarda il passato. La conseguenza di questo divieto in Bihar, dove c'e' molta corruzione, e' l'aumento della produzione illegale di whisky artigianale con il rischio di avere ancora piu' morti da alcol adulterato.

Diario da Islamabad/2 - A Messa nella piu’ antica chiesa di Rawalpindi

Islamabad,  5 giugno 2016

   Oggi sono andata a messa nella chiesa di Christ Church, a Rawalpindi, che e’una delle piu’ antiche della zona perche’ e’ stata costruita nel 1852 dagli inglesi. Era la chiesta della guarnigione britannica di Rawalpindi e di fatti all’interno ci sono targhe commemorative di marmo e di ottone di soldati inglesi uccisi in diverse battaglie nella regione di frontiera del Nord Ovest dal 1850 al 1940, esattamente dove ora gli americani insieme ai pachistani combattono i talebani. Ma ci sono anche militari morti di malattie tropicali.
   La chiesa e’ in stile gotico ed ha uno splendido soffitto a capriate in legno, ma l’esterno ha bisogno di restauro. La comunita’ cristiana protestante e’ di appena 400 anime. Alla Messa in urdu, il pastore ha ricordato il compleanno di alcuni parocchiani. E’ stata una classica celebrazione, ma con una curiosa differenza che mi ha stupito. I fedeli sono andati scalzi a ricevere la Comunione. Non so se e’ un’influenza mussulmana.
   La minoranza Cristiana in Pakistan, meno del 2%, e’ sotto tiro degli estremisti. All’ingresso di fatti ci sono guardie armate. Io ho destato molti sospetti perche’ non mi avevano mai visto...ma dopo aver controllato i miei documenti non ci sono stati problemi.
   La chiesa sorge nel quartiere di ‘lal kurti’ (giubba rossa), perche’appunto c’erano gli inglesi. Non a caso a poche centinaia di metri c’e’ il quartier generale dell’esercito, una vera fortezza e in passato nel mirino di attentati e residenza dell’ultimo dittatore pachistano, il generale Pervez Musharraf, ora in esilio a Dubai. Leggo che nella zona sono rimasti edifici dell’epoca britannica.
   A poca distanza c’e’ anche la cattedrale di San Joseph, che e’ della diocesi di Rawalpindi-Islamabad composta da 250 mila cattolici. Era chiusa, quindi non sono entrata, ma ho chiesto il permesso di fare una foto per il mio progetto di documentare la presenza cristiana nel subcontinente indiano.