Visualizzazione post con etichetta terrorismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta terrorismo. Mostra tutti i post

Attentato a Londra, un paio di riflessioni dall`India

New Delhi, 24 marzo 2017

   Stamane al parco di Hauz Khas, dove vado a correre, ho visto che hanno messo del filo spinato sulla recinzione e un nuovo cancello per chiudere un sentiero che si perde in un fitto bosco vicino a uno slum di Hauz Khas Village. Non e` una protezione dalle scimmie...penso sia per evitare intrusioni nel parco che viene chiuso di notte.
   Filo spinato e muri di cemento sono articoli in grande richiesta ultimamente e ahime`, temo, lo saranno sempre di piu`. Barriere di cemento e cortine di ferro contro attentatori suicidi, contro migranti disperati che scappano dalle guerre, contro chi vuole una vita migliore, come quella che vede su internet. All`epoca della guerra fredda c`erano i muri per separare chi la pensava diversamente.  Adesso i muri servono a isolare i poveri dal resto della popolazione piu` fortunata. Lo scontro di civilta` c`e` come ha previsto Samuel P. Huntington, ma non c`entra la religione o l`ideologia, e` un puro scontro tra `chi ha` e  `chi non ha`, tra le riccche elite e le masse di indigenti.
   Nello stesso giorno dell`attentato a Londra, circa 150 persone (ma nessuno sa quante di preciso) sono state uccise dai bombardamenti a tappeto a Mosul.  Non penso siano tutti terroristi dell`Isis, ho letto che sono civili intrappolati nella guerra tra la coalizione (US e UK)  e l`Isis (che a sua volta sara` appoggiato da qualuno altro). Nessuno ha acceso la bandiera irachena sulla torre Eiffel o sulla Porta di Brandeburgo. Nessuno ha condannato la strage o anche solo chiesto scusa. E` considerato un danno collaterale di operazioni militari che avvengono in un centro abitato.
    Con questo non voglio sminuire l`atrocita` del massacro di Londra. Tra le vittime ci poteva essere anche mia figlia che studia al Kings College,  qualche isolato piu` in la da Westmister, e che quel ponte lo percorre forse ogni giorno. E` un crimine bestiale e i pazzi estremisti vanno fermati. Ma se, a partire dai media, cominciamo a considerare con lo stesso rispetto e attenzione anche le vittime in Iraq, Siria, Pakistan, Yemen ecc, magari riusciamo meglio a combattere il fanatismo senza erigere dei muri. 

Bombe a Delhi, la tragicommedia del “bomb defuser”


Ieri sera ero a Connaught Place sul posto dove è esplosa una delle cinque bombe. Il bel giardino nel centro della grande piazza circolare, inaugurato un anno fa e battezzato un po’ pomposamente Central Park, era stato chiuso. Gruppi di poliziotti con i cani stavano rovistano nei cestini della spazzatura. Una delle bombe, fatte in casa con nitrato di ammonio e bilie di ferro, era stata messa in uno dei nuovi cassonetti di plastica verde che solo da poco adornano piazze e strade del sud di Delhi. A differenza degli altri attentati nei mercati di Karol Bagh e GK1, qui non c’è stata alcuna vittima. Il giardino era affollato alle sei del pomeriggio di sabato, ma evidentemente lo scoppio è stato molto debole.
Quando sono arrivata erano passate due ore e la piazza era deserta e silenziosa. Le troupe televisive erano ammassate davanti a uno dei cancelli di ingresso del giardino. C’era ancora un testimone, un ragazzo con la camicia e i jeans inzuppati di sangue, che raccontava di come ha soccorso i feriti con la sua auto.
Mi ricordo delle scene degli attentati nei mercati degli ortodossi a Gerusalemme. La polizia trincerava un’area di un raggio di un chilometro. Anche per i giornalisti era impossibile andare così vicino. Ma qui in India è diverso. Nella vicina Barakamba Road, dove c’è stata un'altra bomba in un cestino, ho visto gli investigatori raccogliere con le pinze degli indizi dal marciapiede su cui sostavano decine di persone chiedendo gentilmente di spostarsi. Mi fa un po’ sorridere e ho dei forti dubbi sull’esito delle indagini. Ma non voglio ridicolizzare gli sforzi della polizia indiana che – lo si vede – ha scarsissimi mezzi. Però mi è capitato di assistere a una scena surreale. A un certo punto a Connaught Place sono arrivate le squadre degli artificieri con un aggeggio a metà strada tra una mini betoniera e un motorino tagliaerba. Forse, io sono abituata a vedere i robot artificieri che pensavo avessero in dotazione anche gli indiani. Il “bomb defuser” è stato scaricato da un camion nell’eccitazione dei giornalisti televisivi che si cimentavano a elencarne i pregi in diretta. C’è stato un parapiglia generale in cui i militari si sono inciampati nei cavi delle telecamere. Ha fatto un po’ di metri e si è spento improvvisamente. I cameramen sudatissimi si azzuffavano per riprendere ogni particolare. Un minuto dopo è arrivato un militare con una bottiglia di plastica piena di benzina. Il motore era a secco. Ma il bello doveva ancora venire. Per salire sul marciapiede ed entrare nel giardino c’è uno scalino di circa 30 centimetri. Qualcuno ha quindi portato una plancia di metallo, ma non era abbastanza larga per far passare le ruote. Passano dieci minuti. Arrivano dei sacchi di sabbia probabilmente prelevati da un vicino posto di blocco. Ma le ruotine del bomb defuser non c’è la fanno, lacerano i sacchi e si insabbiano. C’è un momento di panico in cui anche le telecamere si spengono. Qualcuno dei giornalisti suggerisce di sollevare la macchina. E’ la soluzione. Il bomb defuser entra trionfalmente nel parco dove gli artificieri stanno aspettando con un sacchetto di plastica appeso ad una sorta di canna da pesca. Era una delle nove bombe, non esplose, piazzate dagli Indian Mujahiddin come rivendicato nella loro articolata mail di 13 pagine spedita ai mass media. Ritornando a casa, nelle strade deserte della moderna Delhi, mi chiedevo se non era il caso di dirottare un po’ di soldi dai programmi di riarmo nucleare alla lotta anti terrorismo.