Visualizzazione post con etichetta fashion week. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta fashion week. Mostra tutti i post

Chiamami Peroni...ecco la Delhi da bere


Due giorni fa mi trovavo a sorseggiare una birra Peroni Nastro Azzurro alla fashion week di Delhi. La birra ex italiana figura tra gli sponsor delle sfilate che si tengono nella fiera del Pragati Maidan. La si trova nello spazio allestito dal ristorante “Olive Beach”, uno dei più trendy della capitale che è di solito frequentato dai belli e famosi di Delhi. Mentre parlavo con lo chef Giuliano Tassinari mi sono ricordata della Milano da bere degli anni Ottanta, quella dei nani e delle ballerine, delle mutande griffate e dei “lei non sa chi sono io” davanti ai locali di Brera.
I nouveaux riches sono uno dei sottoprodotti della nuova India emergente e sono oggi i più coccolati dalle multinazionali del lusso che dopo la sbornia consumistica in Occidente puntano ai grandi mercati di Cina e India. La fashion week di Delhi è in teoria un evento di business, dove gli stilisti indiani mostrano le loro collezioni ai buyers internazionali, ma in realtà è anche una vetrina per il bel mondo. Intorno a me c’erano raffinate ragazze in fuseaux e tacchi a spillo, non bellissime, ma decisamente sofisticate nella scelta degli accessori. Purtroppo non sono più a Milano da tempo e temo di essere fuori dal giro dei modaioli. Però ho notato un’invasione di occhiali Dolce e Gabbana e una varietà di strane e coloratissime scarpe maschili. C’era anche qualche straniero estroso, un sudafricano vestito con un sari che davanti alle telecamere decantava la comodità degli abiti senza cuciture. Chiaramente tutti con i telefonini ben in vista e pronti a fare dei grandi cenni con le mani per richiamare lo sguardo di persone all’altro capo della sala. L’importante è “esserci”, non “essere” in queste occasioni che sono seguite da decine di televisioni e giornali per i cinque giorni delle sfilate. Quest’anno poi c’è stato anche il mini scandalo del seno scoperto della modella straniera Debbie, a cui è scivolata una spallina di un abito da sera di Rajesh Pratab Singh. Non penso altro evento abbia una così vasta copertura sui media indiani a parte Bollywood, il cinema indiano che è anche questo completamente staccato dalla realtà. La fashion week, come Bollywood vende sogni alla maggioranza degli indiani fuori dalle passerelle del Pragati Maidan e che con una birra Peroni campano per un mese. A proposito. Non mi ricordavo più il suo gusto, un po’ amarognolo, per chi come me è abituato alla Kingfisher, l’onnipresente birra del magnate Vijay Mallya, proprietario di una compagnia aerea e ora anche di una scuderia di Formula Uno che ha ingaggiato Fisichella. Chissà che il martin pescatore Kingfisher non arrivi prima o poi alla fashion week di Milano….