Visualizzazione post con etichetta cina. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cina. Mostra tutti i post

Tensione Cina-India, Delhi risponde con Bollywood

New Delhi, 4 agosto 2017
   Da settimane la stampa mondiale si sta occupando del confronto tra India e Cina in uno sperduto territorio del Bhutan, paventando una nuova guerra di confine tra i due giganti asiatici. Mentre Pechino fa la voce grossa, l'India risponde con Bollywood.
    Al consueto briefing settimanale il portavoce del governo di New Delhi, Gopal Baglay, ha citato una famosa canzone in hindi per rispondere ai giornalisti che insistevano per sapere di più sui canali diplomatici aperti per risolvere pacificamente la disputa: "Ishaaron ko agar samjho toh, Raaz ko raaz ko rahne do". Mezza sala ha riso, l'altra mezza (dove c'ero anche io) è rimasta in silenzio perché non ha capito l'allusione.
    La frase è sibillina e suona più o meno così: "se riconosci i segni (del segreto), allora lascia che il segreto sia tale". La citazione è da un film del 1973 e si riferisce ovviamente a questioni amorose. Trasposta sul piano diplomatico significa che da qualche parte sono in corso contatti riservati tra New Delhi e Pechino nonostante le dichiarazioni bellicose di quest'ultima. Mi sembra quindi di capire che alla fine tutto si risolverà con il buon senso lasciando a bocca asciutta coloro che prevedono un Armageddon.

Diario dal Pireo - I nuovi padroni cinesi 2500 anni dopo la battaglia di Salamina

Pireo, 21 giugno 2016

   Arrivando dalla Turchia, la Grecia sembra un Paese del terzo mondo eppure siamo nella ricca Unione Europea. Il porto del Pireo, che una volta era uno dei piu' importanti del Mediterraneo e che e' stato venduto alla cinese Cosco, sembra essere scampato da una catastrofe naturale. Di fianco alla banchina dove arrivo, con una nave della Grimaldi, c'e' un traghetto mezzo affondato. E'' l'emblema di un Paese che sta affondando per la crisi economica e da ultimo anche per l'emergenza dei profughi. Da qualche parte qui al Pireo ci sono molto probabilmente qualche migliaio di rifugiati in attesa di documenti o di un rimpatrio. Sono anche loro intrappolati, come quelli nell'isola di Chios, dopo la chiusura delle rotte balcaniche e l'accordo di rimpatrio con la Turchia per chi non ha diritto all'asilo.

   Sulle banchine non c'e' piu' il caos descritto dalla stampa a marzo quando i migranti occupavano tutti gli hanger e le biglietteria. Non c'e' nessuno in realta'. Forse sono stati sgomberati e portati via dalla vista dei turisti che stanno per arrivare (sembra pochi quest'anno).
   Mentre stavo uscendo dal Pireo, a cui fa riferimento Platone nell'incipit de La Repubblica quando lo descrive come un postaccio pieno di gente pericolosa che arriva dal mare, mi ha colpito una vecchia pubblicita' che celebrava l'anniversario della battaglia di Salamina (480 AC) da parte della Pyreus Port Authority. Molto probabilmente e' stata fatta prima dell'arrivo dei cinesi.
   Il leggendario scontro navale sull'isola di Salamina tra i greci e i persiani e' stato determinante per la sopravvivenza della civilizzazione greco-romana, e quindi della nostra civilta' occidentale. Se vincevano i persiani, si dice, la storia sarebbe stata completamente diversa,

   Ho ritrovato un dipinto ottocentesco del pittore tedesco Wilhelm von Kaulbach  e una citazione profetica di Temistocle, il comandante della flotta greca prima di sferrare l'attacco al nemico del tratto di mare davanti ad Atene: "E ora diamo fondo alle nostre risorse e allontaniamo queste navi dal grembo della Grecia… Oggi è un privilegio poter essere qui… Questa storia verrà raccontata per migliaia di anni, che la nostra resistenza venga consegnata alla Storia, e che tutti vedano… che noi Greci abbiamo scelto di morire in piedi pur di non vivere in ginocchio!”. Ecco, parole che vanno bene ancora oggi.

   Il cartello che ho visto e che riproduco qui celebra il 2021 come l'anniversario dei 2.500 anni dalla battaglia di Salamina. Significa, penso, "ecco noi greci siamo ancora qui dopo tutto sto tempo'". Ma forse non avevano fatto i conti con i cinesi che ora posseggono il 67% del mitico porto.

Modi e la diplomazia dello yoga, del buddismo e...dei selfie

New Delhi , 17  maggio 2015

Anche i più convinti detrattori di Narendra Modi, riconosceranno che il leader della destra è un mago della soft diplomacy.
Nel suo primo viaggio in Cina è riuscito a promuovere l’India come nessun altro. Ha rispolverato i vecchi legami con il buddismo, nato in India e da qui diffusosi in tutta l’Asia. Poi  ha tirato fuori il suo vecchio cavallo di battaglia, lo yoga. Lui e il premier Li Keqiang  hanno assistito a una esibizione di Yoga e Tai-chi congiunta al tempio del Cielo a Pechino.  Ora la Cina vorrebbe perfino chiedere all’Onu una giornata internazionale del Tai-chi, come quella del 21 giugno proclamato Yoga Day  grazie alle pressioni di New Delhi!
Poi, grande colpo da maestro della comunicazione moderna, Modi la preso un selfie con Li e ha lo ha twittato. “It is selfie time” ha scritto su Twitter dove è il secondo leader al mondo più seguito dopo Obama. Twitter in Cina manco esiste, c'è il suo avatar Weibo, dove Modi si è iscritto prima di partire. 
In patria, qualcuno si è cominciato a lamentare di questo clima ‘vacanziero’ e spensierato del premier che è continuato anche oggi in Mongolia con altri selfie twittati e foto della visita, la prima di un leader indiano. Capisco, irrita un po' soprattutto in questi tempi quando l’economia non va come dovrebbe andare e i contadini stanno soffrendo per gli scarsi raccolti dovuti al maltempo di marzo. Ma fatto sta che la ‘diplomazia dei selfie’ di Modi funziona e New Delhi ha incassato un bel po’ di investimenti e soldoni dei cinesi. Anche se – va sottolineato – a beneficiarne sono stati soprattutto i grandi gruppi che l’hanno sponsorizzato come gli Adani, del Gujarat.