Malayattoor (Kerala), i tagliatori di croci

Kochi (Kerala), 24 gennaio 2017
   Per il mio progetto di una guida sul Cristianesimo in India, sto facendo il `giro delle sette chiese`in Kerala alla scoperta, per l`appunto, delle sette chiese fondate da San Tommaso, l`apostolo che secondo la tradizione e` venuto in India a predicare la nuova religione.

   E` straordinaria la diffusione in Kerala di un cristianesimo che risale al II-III secolo e che si rifa` alla chiesa d`Oriente nata in Mesopotamia. Non ci sono prove storiche o reperti archeologici che possano in qualche modo provare l`arrrivo di San Tommaso sulla costa del Malabar, all`epoca fiorente centro commerciale per lo scambio delle spezie e popolata da ebrei rifugiati. Ma la presenza di comunita` dei `nasrani` (Cristiani siriaci o Cristiani di San Tommasoi) che seguivano rituali in siriaco potrebbe davvero far pensare alla venuta di uno o piu` missionari agli albori del Cristianesimo. Non si dimentichi poi che San Tommaso sarebbe stato ucciso in TamilNdu e di questo martirio ne parlano in tanti, compreso Marco Polo.

   Insomma sono convinta che il Cristianesimo sia arrivato qui forse prima che a Roma e per questo ho deciso di scrivere una sorta di `Christianity Circuit` in India.
   Seguendo le tracce di St Thomas, lungo il fiume Periyar e altri che all`epoca erano le vie del commercio, ho scoperto molte  bellezze nascoste.
    Oggi sono andata in un famoso centro di pellegrinaggio a Malayattoor dedicato a San Tommaso che qui si sarebbe rifugiato mentre andava in Tamil Nadu. La leggenda narra che alcuni abitanti abbiano visto una `croce d`oro` e delle rocce che grondavano sangue nel luogo dove l`apostolo si era fermato. C`e` una collina che si chiama Kurishimudi che si raggiunge con circa 40 minuti di marcia su un sentiero tra alberi di mogano. Al Venerdi` santo si sale in processione per la via Crucis. In cima c`ea una storica  cappelle dedicata alla croce d`oro di Tommaso e ci sono anche le sue `impronte` sulla roccia.
    Ma la cosa divertente e` il `cimitero` delle croci abbandonate lungo il bosco. Sono decine, di tutte le dimensioni, e recano scritte della parrocchia di provenienza. Quando sono arrivata c`erano dei taglialegna al lavoro che tagliavano le croci con una sega elettrica facendone tronchetti buoni per il caminetto. Probabilmente e` una consuetudine per loro. Ripuliscono l`area in vista del prossimo pellegrinaggio, ma l`operazione e` di sicuro inusuale e anche divertente. I tagliatori di croci, anche quello un mestiere...

ARTE/ L`argilla di Zanetti a Goa e le tele di Galliano alla Biennale di Kochi. Ritornano gli artisti italiani in India

Kochi, 20 gennaio 2017

    L`era post maro` in India sta vedendo un ritorno degli artisti italiani, anche se ancora molto limitato rispetto alle potenzialita` di un Paese noto in tutto il mondo per la sua arte.
    Negli ultimi due mesi nel Sud dell`India mi e` capitato di vedere due artisti italiani di un certo calibro internazionale. Una e` la toscana Virginia Zanetti che ha partecipato con una performance di `land art` al Serendipity Arts Festival di Goa a dicembre. Il suo lavoro intitolato `Fourth Study in the Ecstasy of the Landscape` prevede il coinvolgimento del pubblico che viene invitato a stendersi su delle mattonelle di argilla fresca. L`artista `usa` quindi i corpi per creare delle impronte abbracciando o stendendosi lei stessa sulle persone.
   Siccome ho partecipato all`installazione posso raccontare le sensazioni che ho provato. Prima il contrasto del freddo dell`argilla e il calore del suo corpo, e poi un senso di pace e di rilassamento. Sono stata  sdraiata  per piu` di un`ora completamente immobile sul mio calco di argilla. In questo tempo, che non mi e` sembrato cosi` lungo, ho sperimentato altre sensazioni, gli altri movimenti intorno a me e, di nuovo il calore, di una mano di un`altra parsona che l`artista ha appoggiato su una mia gamba. Mi rendo conto che e` difficile descrivere la performance a parole, ma penso che abbia centrato lo scopo, quello di un ritorno al rapporto primordiale con la Materia.
Zanetti si e` esibita all`inizio del mese nche a New Delhi con la mostra di acquarelli I Pilastri della Terra`.
    Anche le opere di Daniele Galliano, esposte alla Biennale di Fort Kochi (Kerala) hanno qualcosa di intimistico, anche se piu` irriverenti. Il pittore ogni giorno `reinterpreta` dei paesaggi dipinti su tela da autori sconosciuti `inserendoci` delle persone tra il pubblico che incontra. L`installazione che si intitola `Unknow + Galliano, Bad Trip India 2016` e` ricavata nell`ex magazzino Aspinwall House che si affaccia sulla laguna di Kochi, dove da secoli partono le spezie dirette in Occidente. Nelle vie di Mattancherry ancora oggi si sentono i profumi del pepe, dell`anice, caffe`, cardamomo e le altre specialita` della costa del Malabar. Muziris, a circa 30 km a nord, era un centro di commercio dei romani che si lamentavano di spendere qui troppo oro (Plinio il Vecchio).
   La Biennale Kochi Muziris, che e` alla terza edizione e che uno dei pochi appuntamenti in India dedicati all`arte conteporanea, e` intitolata (un po` cripiticamente) `Forming in the Pupil of an Eye`. Da molte installazioni si esce con il cuore pesante. Riflettono l`inquietudine dei tempi che stiamo vivendo, in particolare la crisi dei profughi siriani.
Nell`opera del cileno Raul Zurita, `The Sea of Pain 2016`, ospitata in un grande capannone, si attraversa un `mare` buio annaspando con l`acqua fino alle ginocchia in cerca del piccolo profugo Alan Kurdi, fotografato morto sulla spiagga nel settembre 2015 e diventato simbolo della nostra impotenza a fermare le guerre.

Ecco il mondo multipolare dell`India.Ma l`Europa non esiste

Kochi  (Kerala),17 gennaio 2017

   Se per Trump l`Europa e` in via di smantellamento, per l`India non esiste nemmeno. Il premier Narendra Modi ha inaugurato oggi la seconda edizione del Raisina Dialogue,  che e` un po` come una `Cernobbio asiatica`, dove si riflette su tematiche politiche globali.
   Il leader indiano ha spiegato che il mondo e` sempre piu` multipolare (il che e` vero), ma in questo nuovo ordine (o meglio disordine) sembra non esserci posto per il Vecchio Continente. Nel suo discorso ha citato i legami con tutto il rissoso vicinato, quelli difficili con la Cina e poi quelli con gli Stati Uniti, che secondo lui continueranno a essere a 360 gradi anche con Trump.
    Ma non ha dedicato una parola all`Europa. Forse non c`e`nulla da dire perche` i rapporti con Bruxelles sono profondamente in crisi, oppure New Delhi non la considera come una  pedina dello scacchiere internazionale.
    Dal discorso di Modi emerge un India che e` sempre piu` cosciente del suo ruolo sulla scena mondiale e non e` solo perche` a promuovere questo ruolo e` un leader nazionalista. E` il turno dell`Asia anche se l`Occidente si ostima a non capire,
    I tempi sono ormai maturi per un India piu` attiva e capace di diffondere dei valori culturali deecisamente diversi, come un diverso rapporto tra uomo e natura (yoga) e quelli pacifisti gandhiani che tutti conosciamo.

Zoo di Trivandrum, che pena le tigri in gabbia!

Trivandrum, 15 gennaio 2017

video
    Lo zoo di Trivandrum, capitale del Kerala, si vanta di essere uno tra i piu` vecchi non solo in India, ma nell`intera Asia. Risale infatti al 1857 e in origine era un `divertissement` del maharaja di Travancore, uno dei regni piu` ricchi, E` annesso al museo Napier, anche quello voluto dal sovrano locale. All`epoca era una novita` tenere in gabbia belve feroci e animali esotici, oltre che un simbolo di potere, adesso lo e` un po` meno...
    In 22 ettari, dove c`e`anche un laghetto, ci sono oltre 80 specie di animali compresi ippopotami e tigri. Un po`allo stretto ovviamente, soprattutto i felini. Le tigri vivono separate in gabbie miniscole. Fanno veramente compassione e non so davvero perche` non ci sia una convenzione internazionale che obblighi lo smantellamento dei giardini zoologici.
    Tornando allo zoo di Trivandrum, ho letto che proprio qui lo scrittore franco canadese Yann Martel ha tratto ispirazione per descrivere la tigre Richard Parker in `Life of Pi`. Non a caso, lo spazio dove vivono le tigri non e` molto piu` grande della scialuppa di salvataggio del naufragio.

Diplomazia: l`India tira le somme a meta` mandato, ma ignora la Ue


New Delhi, 4 gennaio 2017
    Come di consueto il governo indiano ha tenuto una conferenza stampa di `mid term` per fare il punto sull`attivita` diplomatica a meta` legislatura. Qui sotto c`e` la versione integrale su YouTube dell`incontro tra due viceministri, l`ex giornalista MJ Akbar e l`ex generale VK Singh con la stampa indiana e straniera. La ministra degli Esteri, Sushma Swaraj, in convalescenza dopo il trapianto di un rene, non ha potuto prendervi parte.
   In questi due anni e mezzo di potere del Bjp, la diplomazia indiana e` stata molto attiva e lo dimostra il numero di nazioni che sono state `engaged`, per usare lo stesso termine dei viceministri. L`obiettivo che si prefissa il governo e` di avere contatti con tutti i 191 Paesi dell`Onu alla fine del mandato.
   Ma non sempre questa ridda di visite e incontri bilaterali ha portato dei frutti. Spesso non bastano i sorrisi o le strette di mano per garantirsi alleanze nei consessi internazionali o partner commerciali.
   Nonostante le promesse di migliorare i rapporti con il vicinato, l`India ha di fatto peggiorato i suoi rapporti con il Nepal a causa del blocco economico causato dalle proteste dei `madhesi`e con il Bangladesh sulla questione delle acque. La connettivita` con il sud est asiatico rimane una chimera, perche` le frontiere con il Myanmar rimangono chiuse. Con lo Sri Lanka manco si riesce a stabilire un collegamento via mare.
    Con il Pakistan e` gelo a causa dell`aumento dell`attivita` terroristica e delle incursioni in Kashmir. Anche con la Cina le relazioni sono tesissime per via del leader islamico pachistano Masood Ahzar, che l`India vorrebbe veder riconosciuto come terrorista internazionale. Per quanto gli Usa, tutto dipendera` dalla nuova amministrazione Trump, che sembra essere contraria all `outsourcing.
Mentre l`Unione Europea e` addirittura assente dall`agenda del governo. Non e` stata manco citata nella conferenza stampa o nella sessione di domande e risposte. Come se non esistesse.