Marò, la rocambolesca 'fuga' segreta di Girone dall'India

New Delhi, 28 maggio 2016
    E così dopo oltre quattro anni è finita la storia dei marò arrestati in India. Con Girone che nella notte in gran segreto si è imbarcato su un aereo Etihad da New Delhi scortato dall’ambasciatore.
    Sembra una partenza da fuggiasco, come un film sulla liberazione di ostaggi in un paese nemico. C’era pure il suo cane Argo (come il film sull’operazione della Cia a Teheran), ma a quanto pare sembra che non sia stato ‘liberato’ almeno per ora.
Salvatore Girone in una foto di archivio della sua partenza da Kochi (Kerala) il 18 gennaio 2013  

     Una giornata rocambolesca, il recupero del passaporto alla Corte Suprema, poi la corsa al Frro, l’ufficio immigrazione, per avere un “exit visa” prima che chiudessero gli sportelli alle 18 (dopo iniziava il weekend) e poi via all’aeroporto sull’asfalto polveroso e nella canicola infernale del maggio indiano. Un film appunto.
    Il tutto è stato fatto nel massimo riserbo e depistando la stampa. Evidentemente l’ambasciata temeva l’assalto dei media indiani oppure temeva che qualcosa andasse storto all’ultimo momento. Anche se non capisco cosa poteva intralciare la sua partenza quando c’era un ordine della Corte Suprema. Pensavano forse che all’aeroporto Indira Gandhi si materializzassero i pescatori keralesi? O che apparisse lo spettro di Jelestine Valentine o Ajesh Pinki? Va poi detto che in questo periodo in India è come Ferragosto in Italia, c’è un clima molto rilassato e vacanziero.
    Il piano insomma ha funzionato perfettamente. Si è saputo della sua partenza soltanto quando il suo aereo si è alzato in volo. Peccato che non c’era nulla da cui fuggire…il governo indiano aveva dato il suo via libera al rimpatrio sottolineando le “ragioni umanitarie” e con delle condizioni che sono state mutualmente concordate.

Test clinici per resuscitare i morti, ecco lo strano scoop di The Hindu

New Delhi, 16 maggio 2016  

   L’India non finisce mai di stupire. Approfittando di una delle tante lacune legislative, una clinica intende sperimentare un trattamento a base di cellule staminali per ‘resuscitare’ i morti. Avete capito bene: rigenerare le cellule del cervello in caso di morte cerebrale.
   Ieri il quotidiano The Hindu apriva a sei colonne con questo scoop (ecco qui). La notizia ha dell’inverosimile non solo per il tipo di test che è unico al mondo, ma anche per dove vengono condotti, a Rudrapur, in una anonima cittadina dell’Uttarakhand, lo stato himalayano famoso per le sorgenti del Gange.
   Forse The Hindu, che d'abitudine è un giornale serio e compassato, voleva soltanto polemizzare. Infatti pubblicava la foto shock dell’’ospedale’ Anupam di un neurochirurgo (con un passato da ortopedico), il dottor Himanshu Bansal, che pare abbia iniziato a praticare medicina dal 2005.
   Mi immagino come in quell’ospedale, tra un ristorante e una banca, con una strada sterrata davanti, si faranno esperimenti rivoluzionari su 20 pazienti in coma cerebrale irreversibile come autorizzato dalle autorità indiane. Il primo ‘corpo’ deve ancora arrivare.
   Il progetto, che si chiama ReAnima, è frutto di una collaborazione tra una società americana di biotecnologie, la Bioquark, e il centro Revita, che è la creatura di Bansal che da una ventina di anni ha la passione per le cellule staminali.
    Nel suo simpatico articolo, The Hindu lascia intendere che c’è qualcosa di ‘strano’, ma non si spinge oltre. Il tema è delicato e anche spaventoso, mi immagino un laboratorio tipo quello di Frankestein…



Jaipur, quella 'Little Italy' davanti al Palazzo dei Venti

Jaipur,  9 maggio 2015

Una delle piu' famose attrazioni turistiche di Jaipur, e' l'Hawa Mahal, il famoso 'Palazzo dei venti' costruito dal maharaja a fine dell'Ottocento e che - dicono le guide - sfrutta un principio fisico dell'idrodinamica scoperto in quegli anni dal fisico italiano Giovanni Battista Venturi.
Forse sara' per questo che quasi tutti i negozianti che ci sono davanti hanno una forte connessione con l'Italia?  Ogni volta che passo davanti al Palazzo dei Venti puntualmente vengo fermata da commercianti indiani che parlano perfettamente italiano.  Davanti c'e' il gioielliere Raju che ha invita i turisti sul suo terrazzino privato a scattare le foto (questa e' presa proprio da li') e a prendere un chai.
Di fianco c'e' Shiva che conosce mezza Milano. Ma anche gli altri parlano benissimo italiano e riconoscono immediatamente i turisti italici, addirittura indovinano la regione di provenienza.
Per me questa Little Italy davanti all'Hawa Mahal e' sempre stata un mistero. Alcuni amici mi hanno detto che in questa zona i commercianti sono abilissimi ad attirare clienti di ogni nazionalita'.
Alla fine quasi tutti i turisti finiscono per comprare qualche souvenir, anche perche' la merce che hanno e' di ottima qualita'.     

Gli elicotteri Agusta infiammano la campagna elettorale, un nuovo "Bofors" per i Gandhi. E se fosse vero il patto segreto con Italia su rientro del maro' Girone?

New Delhi, 7 maggio 2016
   Probabilmente pochi se ne sono accorti, ma in India da una decina di giorni non si fa altro che parlare dello scandalo delle mazzette sulla commessa dei 12 elicotteri AgustaWestland vinta nel 2010 alla Difesa indiana.
   Lo so che da noi 50 milioni di euro di tangeni su un’affare che valeva dieci volte tanto forse non sono neppure notizia...ma non capisco il disinteressse dei media italiani. A meno che non se ne voglia parlare perche’ si teme possa ledere immagine di Finmeccanica.
    In India lo scandalo aveva gia’ fatto scalpore due anni fa quando c’e’stato il processo di primo grado a Busto Arsizio contro gli ex vertici Orsi e Spagnolini che furono all’epoca assolti dalle accuse di corruzione internazionale. In quel processo il governo indiano si era costituito parte civile e quindi aveva avuto accesso a tutti i documenti.
    Adesso la Corte d’Appello ha rovesciato la sentenza e ha riconosciuto Orsi e Spagnolini colpevoli per le mazzette veicolate atttraverso dei mediatori e delle aziende fantasma in Tunisia.
    Quindi giustamente l’India vuole capire a chi sono andati i soldi. Se si puniscono i corruttori, bisogna anche punire i corrotti.
    Tra i principali accusati c’e’ un ex ammiraglio, Tyagi, che in questi giorni e’ interrogato dalla polizia del Cbi a New Delhi e un avvocato sempre della capitale che era amico di Finmeccanica.
    E poi dalle prove incluse nel verdetto della Corte di Appello di Milano ci sono dei fogli manoscritti e lettere del mediatore britannnico Christian Michel dove si tira in ballo la famiglia Gandhi. In particolare Sonia e’ descritta come la ‘forza trainante’ dietro i Vip,che sono le personalita' politche a cui erano destinati gli elicotteri. Soltanto tre velivoli sono stati consegnati prima che venisse cancellato il contratto. Ora sembra che i tre costosi e sofisticati elicotteri siano abbandonati in una base militare di Delhi.
   La citazione della Gandhi e anche di un certo AP (identificato come il suo segretario e parlametare Ahmed Patel) ha scatenato un putiferio politico. Siamo in periodo elettorale, tanto per cambiare, ma sono le prime elezioni importanti per Narendra Modi dopo due anni di governo.
    Si sa che il leader della destra Modi sogna di annientare la ‘bestia nera’ Sonia e quindi il partito del Congresso che, seppur ridotto ai minimi storici, da’ ancora fastidio perche’ fa ostruzionismo in Parlamento. Le mazzette sugli elicotteri di Agusta sono quindi arrivati a fagiuolo.
    Lo scandalo poi ricorda un po’ quello del 1987 dei cannoni svedesi Bofors. All’epoca emerse che un manager italiano della SnamProgetti, Ottavio Quattrocchi (ora defunto) aveva svolto il ruolo di mediatore tra la famiglia Gandhi e la societa’ fornitrice. La storia costo’ la testa a Rajiv Gadhi, marito di Sonia (assassinato poco dopo) che fu costretto alle dimissioni, anche se non e’ mai stata provata la corruzione. Quattrocchi era un assiduo frequentatore della famiglia Gandhi.
    Anche se non ci sonno state le prove, il caso Bofors e’ sempre stato un tallone di Achille per l’italiana Sonia. E di fatti il Bjp ci va a nozze e in Parlamento ha lanciato un durissimo attacco.
    Ma c’e’ un altro elemento un po’ inquietante. Nell’inchiesta di due anni fa il nome di Sonia non era spuntato, adesso invece e’ tra le carte incluse nella sentenza.
    E c’e’ la coincidenza con l’okey del tribunale dell’Aja al rientro del maro’ Girone ancche se subordinato alla Corte Suprema Indiana.

Che sia quindi vero il patto tra Modi e Mattteo Renzi?



Maro', dall'Aja un verdetto sibillino che scarica tutto sulla Corte Suprema indiana

New Delhi, 4 maggio 2016

   Sembra che la vicenda dei maro’ Massimiliano Latorre e Salvatore Girone si complichi sempre di piu’. E’ vero che l’incidente della petroliera Enrica Lexie e’ un ‘unicum’ nel diritto internazionale marittimo, ma comincio a credere che anche i giudici ci mettano la loro parte nel creare confusione.
   Le conclusioni della sentenza del tribunale arbitrale dell’Aja del 30 marzo sono una perla. Eppure la domanda dell’Italia era semplice: l’India deve permettere a Girone di andare in Italia in attesa del giudizio finale su a chi spetta fare il processo?
Questa la risposta in inglese:

“Italy and India shall cooperate, including in proceedings before the Supreme Court of India, to achieve a relaxation of the bail conditions of Sergeant Girone so as to give effect to the concept of considerations of humanity, so that Sergeant Girone, while remaining under the authority of the Supreme Court of India, may return to Italy during the present Annex VII arbitration”.
   Piu’ che un verdetto di un tribunale sembra il responso della Sibilla cumana. Si ‘intuisce’ che Girone possa tornare in Italia ma si badi bene “per motivi umanitari”, non perche’ l’India non ha diritto a trattenerlo nel periodo dell’arbitrato.
    Ovviamente sull’interpretazione dell’order, New Delhi e Roma sono divisi e temo che ora lo scontro torni in Corte Suprema con la conseguenza di dilatare i tempi del rientro del povero maro’che e’ li’ con le valigie pronte. Tra l’altro nessuno sa come ha reagito alla bella notizia perche’ c’e’ il silenzio stampa imposto dai suoi superiori.

    In pratica i giudici dell’Aja hanno passato la patata bollente ai colleghi indiani della Corte Suprema che e’ comunque il referente della liberta’provvisoria dei due maro’. La cauzione di 10 milioni di rupie (che oggi fanno circa 130 mila euro) pagata dallo Stato italiano per la liberta’ condizionata di ciascun maro’, e’ infatti depositata presso il massimo organo giudiziario che di fatto e’ il “carceriere” dei due .
   Quindi sara’ la Corte Suprema a dare il via libera, ma “senza far capire” che glielo ha ordinato il tribunale arbitrale dell’Aja. Come c’e’ scritto nella sentenza, Italia e India dovrannno mettersi d’accordo su condizioni che pero’ sono state gia’ “suggerite” dagli arbitri. Non ci sono termini precisi per rendere esecutiva l’ordinanza, ma le parti devono informare entro tre mesi al tribunale dell’Aja sulle misure prese. Piu’ vago di cosi’ non si puo’.
   Si deve poi ricordare che la Corte Suprema indiana chiude per ferie dal 15 maggio al 28 giugno. A meno di un miracolo in questi giorni e’ difficile che Girone possa quindi tornare in tempi brevi. Di sicuro non prima delle elezioni in Kerala il 16 maggio.