Visualizzazione post con etichetta maro'. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta maro'. Mostra tutti i post

Maro', si avvicina l'ora della verita'. Corte arbitrale si riunisce l'8 luglio all'Aja

Puerto de Mogan (Gran Canaria), 26 giugno 2019

E' arrivata l'ora della verita' per i due maro' coinvolti sette anni fa in una complessa vicenda giudiziaria in India scaturita dall'uccisione di due pescatori scambiati per pirati al largo delle coste del Kerala e sfociata in una gravissima crisi diplomatica tra Roma e New Delhi.
   La Corte arbitrale italo-indiana, creata nel 2015 all'Aja per dirimere la disputa, si riunira' a partire dall'8 luglio per decidere sulla giurisdizione del caso avvenuto al di fuori delle acque territoriali indiane. I giudici dovranno stabilire a chi tocchera' celebrare il processo a carico dei due Fucilieri italiani accusati di omicidio. Se ho ben capito la Corte avra' fino a sei mesi di tempo per emettere la sentenza una volta che si e' chiuso il dibattimento. I lavori della prima giornata in cui le due parti esporanmo le proprie ragioni sono in diretta streaming (vedi qui il comunicato pubblicato ieri in francese e inglese sul sito della  Pca) a partire dalle 9 del mattino ora locale. Poi le udienze si terranno a porte chiuse.
   La Corte arbitrale era stata formata nel settembre 2015 in seguito alla strategia di "internazionalizzazione" del caso decisa dall'allora governo Renzi con il ricorso alla convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Unclos), che da' la possibilita' agli Stati membri di ricorrere alla Corte Permanente dell'Aja per risolvere le dispute relative agli incidenti che avvengono in acque internazionali.
   E' composta da un giudice nominato da Italia (il professore Francesco Francioni), un giudice indiano (Pemmaraju Sreenivasa Rao), dall'attuale presidente del Tribunale Internazionale del Mare (Ilos), il sudcoreano Paik Jin-Hyun, e due arbitri, il giamaicano Patrick Robinson, ex presidente del Tribunale per i Crimini nella ex Jugoslavia e il russo Vladimir Golitsyn, ex presidente Itlos.
L'udienza era attesa nell'autunno del 2018, ma la morte del giudice nominato da New Delhi ne ha causato lo slittamento.
   Nel caso in cui la Corte decidesse che tocca all'India giudicare i due militari italiani, in teoria Latorre e Girone dovrebbero tornare in India. Ora sono entrambi in una sorta di 'liberta' provvisoria' in Italia, Hanno l'obbligo di firmare regolarmente la loro presenza ai Carabinieri, non possono vedersi e non possono viaggiare. Latorre lavora a Roma e di recente si e' risposato, mentre Girone e' a Bari.
Se invece l'arbitrato stabilisce che la competenza e' italiana, entrambi dovreanno essere processati in Italia da un tribunale militare e da uno civile.
   Comunque vada sarebbe la fine di una sfiancante attesa per i due Fucilieri e finalmente una normalizzazione delle relazioni tra i due Paesi. 

Unione Europea/ Federica Mogherini, la bete noir dell'India, arriva a New Delhi

New Delhi, 20 aprile 2017

   Ieri sera all'Istituto Italiano di Cultura fervevano i preparativi per una mostra sui 60 anni del Trattato di Roma. Mi chiedevo come mai...dato che la ricorrenza è stata il 25 marzo, mentre la festa dell'Europa del 9 maggio è ancora distante. Oggi ho scoperto l'arcano. E' infatti in arrivo a Delhi Federica Mogherini, alto rappresentante per la politica estera dell'Unione Europea, nonchè vicepresidente della Commissione Europea.
   Nella sua precedente veste di ministro italiano degli Esteri, la Mogherini era stata impegnata in prima persona nella crisi diplomatica con l'India scoppiata dopo l'arresto dei marò nel 2012. Poi quando è stata inviata a Bruxelles ha continuato a sostenere la causa della giurisdizione italiana sull'incidente avvenuto in acque internazionali coinvolgendo le istituzioni europee in un pressing sull'India. Con lei le relazioni tra New Delhi e Bruxelles si sono praticamente azzerate. Era diventata la 'bete noir' dell'India.
   Ma adesso è pieno disgelo. Un anno fa, pochi giorni dopo la strage di Bruxelles, il premier Narendra Modi faceva scalo in Belgio per rilanciare le relazioni dopo 4 anni di sospensione dei summit annuali.
    La 'ministra degli Esteri' europea, che arriva da Cina, incontrarà domani l'omologa indiana Sushma Swaraj. E' la prima visita ufficiale di un leader della Ue a Delhi dopo molti anni di tensione e sgarbi diplomatici. Oggi al briefing settimanale della stampa, ho chiesto al portavoce governativo Gopal Baglay se la visita significava una ripresa dei negoziati commerciali bloccati non solo per i maro' ma per una serie di contenziosi. Lui mi ha risposto vagamente, probabilmente non si era preparato.
   In un comunicato, invece, Bruxelles è molto più loquace, si spinge a dire addirittura che alla fine dell'anno si terrà il summit bilaterale in India. Che si siano scordati di avvertire New Delhi? Ecco il testo
    'In India, the High Representative will hold consultations with Minister of External Relations Sushma Swaraj on 21 April. The HRVP and the Minister will discuss preparations for the 14thEU-India Summit, to be held later this year in New Delhi. Bilateral, regional and global issues are also on the agenda. The High Representative will also hold talks with the National Security Advisor and with other members of the Indian Government. In addition, she will open the EU@60 Treaty of Rome Exhibition.

Post-maro`/ L`Italia ritorna in India

New Delhi, 5 aprile 2017

   Ho visto oggi su The Hindustan Times questa pubblicita` della grandezza di un quarto di pagina, su una delegazione di imprenditori italiani in arrivo a Delhi e Mumbai il 27 e 28 aprile. Si tratta della prima visita ufficiale da circa 5 anni, ovvero da quando e` scoppiato il caso maro`.
    E` vero che la data scelta e` un po` infelice perche` coincide con il periodo` piu` caldo, anche oltre 40 gradi. Ma il business preferisce l`aria condizionata, quindi non penso sia un problema. L`evento e` promosso da due ministeri, Confindustria, Ice, Abi, Camere di Commercio ecc e` in collaborazione con gli industriali indiani. Vedo che sono rappresentati i settori della meccanica e tecnologie verdi, due campi ad alto contenuto hi tech di cui gli indiani hanno molto bisogno. Quindi, Italia welcome back to India. 

Marò- Le 'post verità' del Giornale riemergono misteriosamente 2 anni dopo su Facebook

New Delhi, 2 marzo 2017

   Oggi un paio di amici dall'Italia mi hanno segnalato su FB  un articolo del Giornale datato 11 settembre 2015 che riprende la bufala del calibro dei proiettili misurati nell'autopsia sui cadaveri dei due pescatori Jelastine Valentine e Ajeesh Binki. Nel documento depositato (volontariamente) dagli indiani al Tribunale del mare di Vienna (Itlos)  ci sarebbero delle incongruenze.  L'anatomo patologo indiano ha infatti riscontrato che i due proiettili trovati nel cervello di Binki e nel petto di Jelastine hanno lunghezze e forme diverse.
   Uno, secondo il Giornale (che all'epoca aveva copiato da altre fonti) non sarebbe compatibile con il calibro usato dalle armi Nato in dotazione ai marò. Quindi questo scagionerebbe gli italiani dal sospetto reato di omicidio.
   Questa storia - che circola dai primi giorni dell'incidente perché un collega del Corriere aveva 'visto' i proiettili durante l'autopsia - è un tipico esempio di disinformazione o 'post verità' come si dice oggi. Non so perchè sia riemerso oggi dopo due anni.
   A parte i refusi madornali come i 23 'centimetri' di un proiettile, anche i bambini sanno che i proiettili, soprattutto quelli potenti, si deformano dopo che sono stati sparati. Io sono sono una esperta di balistica ma da quel poco che so è che l'unico modo per capire a chi appartenga un proiettile è di verificare la 'rigatura' impressa dalla canna. Di fatti è quello che hanno  fatto nella perizia balistica (sempre allegata nella stessa documentazione dell'Itlos) trovando che i proiettili trovati nei corpi dei pescatori e altri nello scafo del St Antony coincidono con due mitra sequestrati a bordo della Enrica Lexie. Che poi ci sia un dubbio su A CHI appartengano i due fucili, questo è un altro paio di maniche, come diceva mio nonno.
    Premetto che i due marò non sono mai stati processati e che quindi la loro innocenza o colpevolezza deve ancora essere provata. Tuttavia non posso notare come questo articolo dell'11 settembre 2015, riemerso curiosamente ora, sia veramente un 11 settembre del giornalismo italiano. 

Maro`, il peschereccio St. Antony cinque anni dopo

Neendakara (Kerala) - 15 febbraio 2017

    Esattamente cinque anni fa un contingente di sei militari italiani in servizio antipirateria a bordo della petroliera napoletana Enrica Lexie veniva coinvolto in un grave incidente al largo dello stato del Kerala in cui persero la vita due pescatori indiani. La sera del 15 febbraio 2012 un peschereccio arrivo` nel porto di Neendakara, vicino alla citta` di Kollam, con a bordo i corpi di due pescatori indiani, Jelastine Valentiine e Ajesh Pinki, crivellati da proiettili.  Furono accusati della loro morte due maro`, il capo team Massimiliano Latorre e il suo vice Salvatore Girone che furono arrrestati quattro giorni dopo dalla polizia keralese. Particolare curioso: l`incidente e` successo nel loro primo giorno di navigazione dopo l`imbarco avvenuto  a Colombo, in Sri Lanka, il14 febbraio 2012.
   Come noto ormai sulla storia e` calato il sipario e anche la censura del governo italiano che grazie ad un arbitrato internazionale ha ottenuto lo scorso anno il rimpatrio provvisorio di uno dei due Fucilieri  del battaglione San Marco, mentre l`altro era gia` in Italia per motivi di salute. Non credo quindi che venga dato ampio risalto all`anniversario. Lo stesso e` per l`India che penso abbia ormai dimenticato l`incidente e ripreso le relazioni con l`Italia.
   Tutttavia a me sembra giusto ricordarlo. Per l`occasione sono andata a vedere il peschereccio St. Antony, dove si trovavano le vitttime quel pomeriggio del 15 febbario 2012. E` sempre sottto sequestro nel porto di Neendakara e sempre piu` a pezzi. Non ci sono piu` i teloni di plastica blu che lo ricoprivano e il tettuccio e` crollato. Lo scafo e` ancora integro ma non so se sopravvivera` ad un altro monsone.
   Sono andata anche a trovare la vedova di Jelastine, Dora, e i suoi due figli, Il piu` grande Derrik si e` laureato in ingegneria grazie ai soldi della `donazione` del governo italiano (circa 100 mila euro a famiglia) e sta facendo ora un corso di disegno CAD a Kochi.  Il fratello Jeen sta per fnire le superiori e anche lui vorrebbe continuare a studiare, ma i soldi sono finiti. Dora ha detto che le era stato promesso verbalmente una borsa di studio in Italia per  il figlio minore, Purtroppo non ho potuto aiutarla in questa richiesta, ma spero che la parrocchia continuera` ad assisterla ed eventualmente attivare i vecchi contatti con l`Italia.

POST MARO`: Italia assistera` le Ferrovie indiane per la sicurezza, un compito ciclopico

Trivandrum (Kerala) - 4 febbraio 2017

   Eppur si muove. Qualcosa finalmente si muove nelle relazioni tra India e Italia congelate da circa 5 anni a causa della nota vicenda dei maro`.
   Le Ferrovie dello Stato hanno fatto un colpo grosso firmando un memorandum di intesa con le Ferrovie indiane nel settore della sicurezza (questo e` il comunicato). Anche se e` solo un MoU, che dovra` poi concretizzarsi in futuro, si tratta di un notevole successo  per la partecipata dello Stato italiano.
    Basta ricordare che le Ferrovie indiane: 1) sono  tra  le piu` grandi al mondo per chilometri di binari e per numero di passeggeri, 22 milioni al giorno. 2) per via del loro pessimo stato di manutenzione e di segnaletica, hanno un record spaventoso di incidenti. Il 2016  poi e` stato un `annus horribilis` con circa 150 vittime del frontale del treno Patna-Indore. E` proprio dopo questa tragedia che il ministro delle Ferrovie ha deciso di avvalersi di consulenti stranieri per migliorare la sicurezza.
    Insomma di lavoro ce n`e` parecchio. Anzi, non invidio gli ingegneri italiani che dovranno fare una valutazione dello stato della rete ferroviaria indiana, una impresa a dir poco ciclopica .
    Un altro importante MoU e` stato firmato da Italferr, il braccio ingegneristico, in cui si prevede tra l`altro la progettazione di un ponte di 750 metri con una arcata centrale sospesa di 200 metri nello Stato himalayano di Jammu e Kashmir, dove e` in corso la costruzione della Ferrovia che colleghera`la `ribelle`  Srinagar con il resto del Paese . 

Marò, tutto è bene quello che finisce bene. La ministra Swaraj avvia il disgelo

New Delhi. mercoledì 10 agosto 2016


   Come in tutti i film di Bollywood, anche nella crisi diplomatica tra India e Italia per i due maro' arrestati nel febbraio 2012 con l'accusa di aver ucciso per sbaglio due pescatori indiani c'è il classico "hapy end". Dopo il trasferimento in Italia di Salvatore Girone e la fine del boicottaggio italiano nelle sedi internazionali possono riprendere le relazioni normali tra i due Paesi.
Il quotidiano  Economic Times, in un dettagliato articolo (vedi qui) rivela che la ministro degli Esteri Sushma Swaraj potrebbe incontrare il suo omologo Paolo Gentiloni quando andrà a Roma il 4 settembre per la canonizzazione di Madre Terasa di Calcutta.
   L'appuntamento è tra meno di un mese ed è visto come il "disgelo" dopo quattro anni di tensioni diplomatiche a volte tesissime e la sospensione di attività commerciali. Per ora è  una indiscrezione di stampa. Di solito le visite bilaterali sono annunciate solo pochi giorni prima da Delhi, ma è probabile che avvenga. L'India ha bisogno di ristabilire i contatti con l'Italia e con l'Europa per attirare investimenti per il 'Make in India' e da parte sua anche l'Italia non può permettersi di ignorare la seconda nazione più popolosa del mondo e la prima per crescita del Pil.

Happy end: scarcerati i 12 pescatori indiani arrestati nel 2014

Torino, 2 luglio 2016

Tutto e' bene quel che finisce bene. Scorrendo le notizie dall'India leggo che 12 pescatori indiani sono stati rilasciati dal carcere di Trapani dove erano detenuti. Il cargo dove erano impiegati era stato fermato vicino a Pantelleria per un carico di droga. Leggo qui che e' stata provata la loro innocenza e che grazie all'aiuto della ministra degli Esteri Sushma Swaraj (sempre attivissima per salvare dai guai connazionali all'estero) sono stati riportati a casa.  Ma che coincidenza...a poche settimane dal rilascio del maro' Girone.



Diario da Taranto/ I gioielli della Marina Militare

Taranto, 23 giugno 2016
    Sono arrivata di mattina al porto di Brindisi con un ferry della compagnia di navigazione Grimaldi pieno zeppo di camionisti. Era in forte ritardo perche’ secondo me al Pireo ha aspetttato fino all’ultimo di imbarcare alcuni Tir.
    Siccome era la seconda notte consecutiva in traghetto ho dormito come un ghiro su un divanetto in un corridoio. Veramente avevo anche una poltrona, ma li’ potevo distendermi quasi come in un letto.
   Il ritardo mi ha fatto perdere tutte le coincidenze per Napoli, quindi mi sono ritrovata a fare un percorso alternativo e anche tortuoso attraverso la Puglia per raggiungere la costa campana. Confermo che la ‘coast to coast’ in Italia rimane sempre una avventura, soprattutto per me che l’ho fatta per la prima volta.

   Tra una coincidenza e l’altra mi sono ritrovata a Taranto, la citta’ del maro’ Latorre, in attesa di un autobus (sostitutivo del treno) per Salerno. Il tempo era splendido e sono andata nel vecchio borgo fino al Castello Aragonese che sorge sull’angolo dell’isola.
   Caso vuole che fosse appena iniziata una visita guidata gratuita della Marina Militare, che e’ ancora l’attuale padrona della fortezza e che quindi gestisce i turisti. Dopo aver firmato una dichiarazione di responsabilita’ (in caso di incidenti durante la visita...) ho raggiunto un gruppo di visitatori.
Il cicerone, un giovane ufficiale in borghese, era molto simpatico e prodigo di informazioni e aneddoti. Ci ha portato a visitare le torri e i sotterranei dove ci sono dei reperti archeologici, tra cui anche lo scheletro di un gatto. Ma la meraviglia e’ il ponte girevole sul canale artificiale costruito nel 1481 dagli aragonesi per difendere meglio il castello. Il ponte di San Francesco Da Paola, che - ho letto - e’ il simbolo della citta’, era azionato da turbine idrauliche. Un’opera ingegnosa di una impresa di Castellamare di Stabbia realizzata a fine 1800, in piena rivoluzione industriale, quando questo tipo di imprese fiorivano un po’ ovunque e venivano esaltate come segni della modernita’.

   Adesso ci sono i motori elettrici, ma la struttura e’ la stessa. E’ visibile il pozzo dove l’acqua proveniente da una mega cisterna sul tetto del castello faceva girare le turbine che muovevano gli ingranaggi della struttura facendola girare su un perno.
   Il ponte viene aperto dalla Marina Militare soltanto un paio di volte all’anno di notte per consentire l’uscita alle navi di guerra. Ma alcuni tarantini con cui ho parlato hanno detto di non averlo mai visto in funzione.
    Dato che e’ possedimento militare la fortezza e’ tenuta in modo impeccabile. Mi chiedo se sarebbe stato lo stesso se fosse stato il comune di Taranto a gestirla... ma nello stesso tempo sono convinta che dopo secoli forse sarebbe il tempo di ‘delimitarizzare’ le citta’ italiane.

Via libera a India nel MTCR, missili in cambio del maro' Girone?

Islamabad, 7 giugno 2016
   Come avevo previsto nel post del 28 maggio, l’India e’ stata discretamente ammessa al Missile Technology Control Regime (MTCR), un club di 34 Paesi, tra cui l’Italia, nato nel 1987 per controllare gli arsenali missilistici, che sono oggigiorno cruciali per la difesa.
   L’ingresso in questo esclusivo consesso permettera’ a New Delhi di importare tecnologia, come i droni e esportare suoi prodotti come gli indo-russi Brahmos. Un bel po’ di business insomma che si materializza ad appena due settimane dal permesso concesso al maro' Salvatore Girone di rientrare in Italia in attesa della sentenza della Corte arbitrale de l'Aja.
   Il via libera e’ arrivato in modo molto informale come leggo su Reuters, attraverso una richiesta che e’ stata fatta ‘circolare’ tra i membri del MTCR. Siccome dopo la scadenza dei 10 giorni (in cui gli indiani erano con il fiato sospeso e le dita incrociate) nessuno ha presentato obiezione, di fatto l’India puo’ considerarsi accettata. Da quando ho capito non ci sarebbe bisogno neppure di una riunione per formalizzare l’ingresso.
    Lo scorso ottobre l’adesione dell’India non fu accettata nella riunione plenaria avvenuta a Rotterdam (la presidenza di turno e’ olandese) per l’opposizione dell’Italia. Il motivo non e’ mai stato spiegato da Roma, ma secondo New Delhi era per la questione dei maro’.
   Ora che Girone e’ stato rimpatriato dopo la sentenza del 3 maggio della Corte arbitrale e quella della Corte Suprema del 26 maggio in cui il governo indiano ha dichiarato di “non avere obiezioni”, guarda caso tutto e' filato liscio e anche in fretta.
    Come si dice... se due piu’ due fa quattro... sembra davvero evidente a questo punto quale era il patto Modi-Renzi. I missili per il maro’ Girone.

Marò, la rocambolesca 'fuga' segreta di Girone dall'India

New Delhi, 28 maggio 2016
    E così dopo oltre quattro anni è finita la storia dei marò arrestati in India. Con Girone che nella notte in gran segreto si è imbarcato su un aereo Etihad da New Delhi scortato dall’ambasciatore.
    Sembra una partenza da fuggiasco, come un film sulla liberazione di ostaggi in un paese nemico. C’era pure il suo cane Argo (come il film sull’operazione della Cia a Teheran), ma a quanto pare sembra che non sia stato ‘liberato’ almeno per ora.
Salvatore Girone in una foto di archivio della sua partenza da Kochi (Kerala) il 18 gennaio 2013  

     Una giornata rocambolesca, il recupero del passaporto alla Corte Suprema, poi la corsa al Frro, l’ufficio immigrazione, per avere un “exit visa” prima che chiudessero gli sportelli alle 18 (dopo iniziava il weekend) e poi via all’aeroporto sull’asfalto polveroso e nella canicola infernale del maggio indiano. Un film appunto.
    Il tutto è stato fatto nel massimo riserbo e depistando la stampa. Evidentemente l’ambasciata temeva l’assalto dei media indiani oppure temeva che qualcosa andasse storto all’ultimo momento. Anche se non capisco cosa poteva intralciare la sua partenza quando c’era un ordine della Corte Suprema. Pensavano forse che all’aeroporto Indira Gandhi si materializzassero i pescatori keralesi? O che apparisse lo spettro di Jelestine Valentine o Ajesh Pinki? Va poi detto che in questo periodo in India è come Ferragosto in Italia, c’è un clima molto rilassato e vacanziero.
    Il piano insomma ha funzionato perfettamente. Si è saputo della sua partenza soltanto quando il suo aereo si è alzato in volo. Peccato che non c’era nulla da cui fuggire…il governo indiano aveva dato il suo via libera al rimpatrio sottolineando le “ragioni umanitarie” e con delle condizioni che sono state mutualmente concordate.

Gli elicotteri Agusta infiammano la campagna elettorale, un nuovo "Bofors" per i Gandhi. E se fosse vero il patto segreto con Italia su rientro del maro' Girone?

New Delhi, 7 maggio 2016
   Probabilmente pochi se ne sono accorti, ma in India da una decina di giorni non si fa altro che parlare dello scandalo delle mazzette sulla commessa dei 12 elicotteri AgustaWestland vinta nel 2010 alla Difesa indiana.
   Lo so che da noi 50 milioni di euro di tangeni su un’affare che valeva dieci volte tanto forse non sono neppure notizia...ma non capisco il disinteressse dei media italiani. A meno che non se ne voglia parlare perche’ si teme possa ledere immagine di Finmeccanica.
    In India lo scandalo aveva gia’ fatto scalpore due anni fa quando c’e’stato il processo di primo grado a Busto Arsizio contro gli ex vertici Orsi e Spagnolini che furono all’epoca assolti dalle accuse di corruzione internazionale. In quel processo il governo indiano si era costituito parte civile e quindi aveva avuto accesso a tutti i documenti.
    Adesso la Corte d’Appello ha rovesciato la sentenza e ha riconosciuto Orsi e Spagnolini colpevoli per le mazzette veicolate atttraverso dei mediatori e delle aziende fantasma in Tunisia.
    Quindi giustamente l’India vuole capire a chi sono andati i soldi. Se si puniscono i corruttori, bisogna anche punire i corrotti.
    Tra i principali accusati c’e’ un ex ammiraglio, Tyagi, che in questi giorni e’ interrogato dalla polizia del Cbi a New Delhi e un avvocato sempre della capitale che era amico di Finmeccanica.
    E poi dalle prove incluse nel verdetto della Corte di Appello di Milano ci sono dei fogli manoscritti e lettere del mediatore britannnico Christian Michel dove si tira in ballo la famiglia Gandhi. In particolare Sonia e’ descritta come la ‘forza trainante’ dietro i Vip,che sono le personalita' politche a cui erano destinati gli elicotteri. Soltanto tre velivoli sono stati consegnati prima che venisse cancellato il contratto. Ora sembra che i tre costosi e sofisticati elicotteri siano abbandonati in una base militare di Delhi.
   La citazione della Gandhi e anche di un certo AP (identificato come il suo segretario e parlametare Ahmed Patel) ha scatenato un putiferio politico. Siamo in periodo elettorale, tanto per cambiare, ma sono le prime elezioni importanti per Narendra Modi dopo due anni di governo.
    Si sa che il leader della destra Modi sogna di annientare la ‘bestia nera’ Sonia e quindi il partito del Congresso che, seppur ridotto ai minimi storici, da’ ancora fastidio perche’ fa ostruzionismo in Parlamento. Le mazzette sugli elicotteri di Agusta sono quindi arrivati a fagiuolo.
    Lo scandalo poi ricorda un po’ quello del 1987 dei cannoni svedesi Bofors. All’epoca emerse che un manager italiano della SnamProgetti, Ottavio Quattrocchi (ora defunto) aveva svolto il ruolo di mediatore tra la famiglia Gandhi e la societa’ fornitrice. La storia costo’ la testa a Rajiv Gadhi, marito di Sonia (assassinato poco dopo) che fu costretto alle dimissioni, anche se non e’ mai stata provata la corruzione. Quattrocchi era un assiduo frequentatore della famiglia Gandhi.
    Anche se non ci sonno state le prove, il caso Bofors e’ sempre stato un tallone di Achille per l’italiana Sonia. E di fatti il Bjp ci va a nozze e in Parlamento ha lanciato un durissimo attacco.
    Ma c’e’ un altro elemento un po’ inquietante. Nell’inchiesta di due anni fa il nome di Sonia non era spuntato, adesso invece e’ tra le carte incluse nella sentenza.
    E c’e’ la coincidenza con l’okey del tribunale dell’Aja al rientro del maro’ Girone ancche se subordinato alla Corte Suprema Indiana.

Che sia quindi vero il patto tra Modi e Mattteo Renzi?



Maro', dall'Aja un verdetto sibillino che scarica tutto sulla Corte Suprema indiana

New Delhi, 4 maggio 2016

   Sembra che la vicenda dei maro’ Massimiliano Latorre e Salvatore Girone si complichi sempre di piu’. E’ vero che l’incidente della petroliera Enrica Lexie e’ un ‘unicum’ nel diritto internazionale marittimo, ma comincio a credere che anche i giudici ci mettano la loro parte nel creare confusione.
   Le conclusioni della sentenza del tribunale arbitrale dell’Aja del 30 marzo sono una perla. Eppure la domanda dell’Italia era semplice: l’India deve permettere a Girone di andare in Italia in attesa del giudizio finale su a chi spetta fare il processo?
Questa la risposta in inglese:

“Italy and India shall cooperate, including in proceedings before the Supreme Court of India, to achieve a relaxation of the bail conditions of Sergeant Girone so as to give effect to the concept of considerations of humanity, so that Sergeant Girone, while remaining under the authority of the Supreme Court of India, may return to Italy during the present Annex VII arbitration”.
   Piu’ che un verdetto di un tribunale sembra il responso della Sibilla cumana. Si ‘intuisce’ che Girone possa tornare in Italia ma si badi bene “per motivi umanitari”, non perche’ l’India non ha diritto a trattenerlo nel periodo dell’arbitrato.
    Ovviamente sull’interpretazione dell’order, New Delhi e Roma sono divisi e temo che ora lo scontro torni in Corte Suprema con la conseguenza di dilatare i tempi del rientro del povero maro’che e’ li’ con le valigie pronte. Tra l’altro nessuno sa come ha reagito alla bella notizia perche’ c’e’ il silenzio stampa imposto dai suoi superiori.

    In pratica i giudici dell’Aja hanno passato la patata bollente ai colleghi indiani della Corte Suprema che e’ comunque il referente della liberta’provvisoria dei due maro’. La cauzione di 10 milioni di rupie (che oggi fanno circa 130 mila euro) pagata dallo Stato italiano per la liberta’ condizionata di ciascun maro’, e’ infatti depositata presso il massimo organo giudiziario che di fatto e’ il “carceriere” dei due .
   Quindi sara’ la Corte Suprema a dare il via libera, ma “senza far capire” che glielo ha ordinato il tribunale arbitrale dell’Aja. Come c’e’ scritto nella sentenza, Italia e India dovrannno mettersi d’accordo su condizioni che pero’ sono state gia’ “suggerite” dagli arbitri. Non ci sono termini precisi per rendere esecutiva l’ordinanza, ma le parti devono informare entro tre mesi al tribunale dell’Aja sulle misure prese. Piu’ vago di cosi’ non si puo’.
   Si deve poi ricordare che la Corte Suprema indiana chiude per ferie dal 15 maggio al 28 giugno. A meno di un miracolo in questi giorni e’ difficile che Girone possa quindi tornare in tempi brevi. Di sicuro non prima delle elezioni in Kerala il 16 maggio.

Domani Modi sarà Bruxelles e in agenda ci sono i marò

New Delhi, 29 marzo 2016

Finalmente, dopo  enormi sforzi, la diplomazia italiana è riuscita a far entrare ufficialmente la questione marò nell'agenda dell'Unione Europea.
Domani si tiene a Bruxelles il summit India-Ue, dopo una imbarazzante pausa di alcuni anni, e in agenda c'è la questione "sensibile" dell'arbitrato internazionale in corso sui due militari italiani, oltre che di 14 estoni e sei britannici.  Tanto per accontentare anche gli altri membri Ue.
Questo il passaggio:
The summit will also provide an opportunity for leaders to raise more sensitive bilateral issues such as the ongoing international arbitration under the UN Convention on the Law of the Sea (UNCLOS) in regard to the case of two Italian marines, as well as the case of fourteen Estonian and six UK Guards sentenced to prison by an Indian court.

Questo il comunicato integrale

E' comparso il filo spinato sull'ambasciata italiana a New Delhi

New Delhi, 17 marzo 2016

   Oggi sono passata davanti all'ambasciata d'Italia a New Delhi e ho visto che alcuni operai stavano mettendo il filo spinato sul muro di cinta,  Non e' una bella cosa e mi ha un po' intristito anche perche'  il compound italiano a Chanakyapuri si vantava di essere uno dei piu' belli per la cascata variopinta di bougainvillea lungo tutto il perimetro,
L'anno scorso, dopo l'arrivo dell'ambasciatore Enzo Angeloni,  le piante fiorite sono state tagliate ed e' comparsa una brutta recinzione verde, Ora c'e' anche il filo spinato sopra.  Mi aspetto prima o poi i cannoni all'ingresso e i carabinieri dietro i sacchi di sabbia. La forticazione non ha risparmiato neppure il lato dell'Istituto Italiano di Cultura (vedi foto).
Manco l'ambasciata del Pakistan ha un look cosi' aggressivo. Non so quale sia il motivo, forse un nuovo allarme anti terrorismo. Forse e' un messaggio agli indiani. Del tipo "si vis pace para bellum". O forse e'  perche" stiamo andando in guerra in Libia.  Oppure  forse c'e' stata una minaccia dell'ala armata dei pescatori keralesi.
Fatto sta che ora il povero Salvatore Girone, che da tre anni vive in ambasciata, puo' dire di essere veramente in prigione....

MARO’ 4 ANNI DOPO 2 /Cosi’ parlo’ il comandante Vitelli

Palolem (Goa), 15 febbraio 2016
   Uno dei personaggi piu’ misteriosi in tutta la vicenda e’ il comandante della petroliera Enrica Lexie, Umberto Vitelli. Il suo ruolo e’ stato delicato perche' e’ lui che ha deciso di tornare in porto quando le autorita’ indiane glielo hanno chiesto. Il suo padrone era l’armatore e non la Difesa italiana...Di lui non si e’ saputo nulla, e’ stato tre mesi in ostaggio a Kochi quando la nave era sotto sequestro. Quando e' ripartito il suo contratto lavorativo era ormai in scadenza.
   Nel giugno del 2013 pero’ e’ tornato in Kerala per testimoniare all’ufficiale P.Vikraman della National Investigative Agency. E’ stato costretto a tornare perche’ la Corte Suprema prima di dissequestrare la petroliera aveva chiesto all’equipaggio di rendersi ‘disponibile’ per la magistratura. Pe garantire la presenza dei testi i giudici avevano imposto una pesante cauzione (che e’ poi stata restituita all’armatore dopo l’interrogatorio).
  Questa e' deposizione di Vitelli che era allegata tra i documenti presentati all’Itlos. Niente di segreto quindi.
    Lui non c’era sul ponte di comando al momento degli spari, ma quando ha sentito “urlare” e’ andato sulla plancia ad assicurarsi che la nave fosse pilotata a mano per mettere in atto le misure anti pirati (accelerazione e zig zag). Sostanzialmente dice che non si occupava di cosa facevano i maro’, ma soltanto della sicurezza della nave secondo il manuale delle Best Management Practices (dell’Imo). Anzi probabilmente come traspare era anche un po' irritato ad avere gente armata a bordo. Dice che a Galle, in Sri Lanka, quando ha imbarcato il team Latorre, sono state issate a bordo delle ‘casse’di armi, ma che non sapeva cosa erano perche’ era segreto della Difesa. Secondo lui, non si e’ trattato di un attacco di pirati.
   Interessante e’ sapere che i maro’ erano saliti il giorno prima,quindi erano solo da un giorno a bordo!


Annex 27

STATEMENT OF MR VITELLI UMBERTO, CAPTAIN OF THE MV ENRICA LEXIE, 15

JUNE 2013



Statement of Mr. Vitelli Umberto, Age 50, PasteraMassalubrense, 5/A

Lumbrense, N5-80061, Napoli, Passport No.F575264 of Italy, Master of

EnricaLexie, Mob No.+39339719130Email- carionov@hotmail.com

My name is Umberto Vitelli, aged 50 yrs. In 1998, I completed my

graduation. After completing the graduation I joined a Merchant vessel MARE

LIGURE as a deck boy. I have 16 years of shipexperience and during this

period Iwas promoted as Master of the ship in the year 2010. In the end of

November, 2011 I joined the Merchant Vessel Enrica Lexie as a Master. 

MARO’ 4 ANNI DOPO 1/ Qualche dubbio e un consiglio

Palolem (Goa), 15 febbraio 2016
   Sono esattamente quattro anni che io (insieme al mio collega dell’Ansa di New Delhi Maurizio Salvi) mi occupo della sventura dei due maro’ arrestati in India. Personalmente e’ il caso che piu’ ho seguito e che piu’ mi appassionato nella mia carriera. Ho letto quintali di carte, parlato con decine di persone, tra cui i pescatori superstiti, scarpinato su e giu’ per il Kerala e per il Tamil Nadu cercando di capire quello che successe il 15 febbraio 2012. Un anno fa sono perfino salita di soppiatto sul peschereccio S.Antony sotto sequestro al porto di Neendakara e ho fotografato di nuovo un foro di un proiettile nel tettuccio. Tanto per ricordarlo, in quel giorno di quattro anni fa sono morti il pescatore Jelastine, che era nella cabina al timone e il giovane Binki, che invece era a poppa a fare i bisogni. Gli altri nove della ciurma dormivano sopra le reti. Nonostante le mie ricerche, non sono mai riuscita a capire come sono andate le cose.
   Ovviamente sarebbe stato molto piu’ semplice se Latorre e Girone avessero detto che cosa e’ successo e perche’ sono ‘innocenti’ come spesso hanno sostenuto. Oppure se il governo italiano avesse reso pubblico il rapporto del team guidato dall’ammiraglio Alessandro Piroli che ha indagato in India. Nell’aprile 2013 La Repubblica ha sostenuto di avere visto le conclusione e ha fatto uno scoop. Ha scritto  che non sono stati loro a sparare, ma altri maro’ del team Latorre composto in totale da sei militari.
   Per anni ho creduto a questa versione finche’ mi sono imbattuta nella testimonianza resa alla polizia indiana del comandante Umberto Vitelli (che pubblico integralmente in un altro post) e le altre deposizioni dell'equipaggio. Lui dice che sul ponte a dritta c’erano Latorre e Girone.
     Siccome di recente sono stata una ventina di giorni su una nave cargo e venendo dall'Europa in India ho attraversato la “zona ad alto rischio” per la pirateria, so molto bene quali sono le procedure di sicurezza e quindi so perfettamente di cosa parla il capitano Vitelli.
   Ma non e’ solo questo che mi preme sottolineare oggi in questo anniversario di un caso che bene o male ha occupato quattro anni della mia vita. Proprio per questo mi arrogo il diritto di dire alcune cose:

1 Non si capisce per quale motivo l’Italia chiedera’il 30 marzo al tribunale arbitrale costituito all’Aja il rilascio temporaneo soltanto di Girone e non di Latorre. E’ vero che quest’ultimo e’ in Italia, ma per la giustizia indiana e’ sempre in liberta’ provvisoria con un permesso speciale per curarsi che scade il 30 aprile.

2 Secondo me Roma non doveva di nuovo sfidare la Corte Suprema (istituzione molto potente in India) dicendo che Latorre non torna ancora prima della scadenza del suo permesso.E' vero che la sentenza dell’Itlos del 24 agosto 2015 che ordina alle due parti di mantenere lo ‘status quo’ sulla contesa potrebbe essere interpretata come un diritto di Latorre a rimanere in Italia. Ma se la decisione e’ unilaterale italiana e l’India non e’ d’accordo, questo potrebbe essere un nuovo elemento di irritazione di Delhi.

3 Anche se adesso c’e’ una corte arbitrale, secondo me non bisogna abbandonare la via dei negoziati tra diplomazie.Lo scritto e lo ripeto, Renzi e Modi devono incontrarsi e parlarsi a quattrocchi. E’ di reciproco interesse.

Maro' e Finmeccanica: Modi avrebbe chiesto a Renzi la testa di Sonia Gandhi?

   Sirsi (Karnataka), 2 febbraio 2016

   Il “The Telegraph” che e’ uno dei piu’ vecchi e anche prestigiosi quotidiani di Calcutta riporta oggi una bizzarra storia sui maro’ che rende ancora piu’ “fishy” , come dicono gli inglesi, l’intera vicenda che tra qualche giorno compie 4 anni. 
L’articolo (ecco qui)  rivela che uno dei mediatori coinvolti nello scandalo degli elicotteri AgustaWestland, il britannico Christian Michel che e’ ricercato dall’Interpol (ma che secondo il giornale “lavora” tranquillamente a Dubai e da’ pure dichiarazioni ai giornalisti) ha detto che Narendra Modi avrebbe proposto a Renzi un accordo segreto quando si sono incrociati all’assemblea generale dell’Onu a New York a settembre. In pratica l’India avrebbe liberato i maro’ in cambio di ‘prove' che collegavano la leader del Congresso Sonia Gandhi con le presunte mazzette pagate da AgustaWestland.
   Michel ha messo queste rivelazioni nero su bianco in una ‘lettera’ alla Corte permanente di Arbitrato dell’Aja che deve decidere la giurisdizione sul caso e anche al Tribunale del mare di Amburgo (che ora non centra piu’ nulla).
   Un portavoce del governo ha bollato la storia come ‘ridicola’, mentre il Congresso ha preso subito la palla al balzo e ha chiesto a Modi delle urgenti spiegazioni.
    A me sembra questa storia un po’ bizzarra, pare uscita dall’Italia, dove si sa c’e’una certa predilizione nel vedere complotti ovunque e nell’intorbidire il piu’ possibile le acque in modo che poi cosi’ non si capisce piu’nulla.

I miei dubbi sono:
1 Perche’ mai Michel si e’ preso la briga di scrivere ai tribunali internazionali? Qual e’ il suo tornaconto nello screditare Modi? La sua mossa poi coincide guarda caso con la decisione dell’India di chiedere all’Interpol la sua cattura.
2 E’ vero che Modi e’ in calo di consensi e che ha perso le elezioni in Bihar, ma davvero ha paura di Sonia Gandhi che e’ ai minimi storici e che vorrebbe pure andarsene in pensione lasciando la baracca al figlio Rahul? 
3 Penso che questo tipo di proposte vadano fatte nell’oscurita’ di qualche corridoio e non nel Palazzo di Vetro. Ma ve lo vedere Modi andare da Renzi e proporre un ricatto del genere? Non penso sia cosi’ disperatamente desideroso di liberare il povero Girone.

Italia-India, è gelo tra Modi e Renzi al G20 di Antalya

New Delhi, 19 Novembre 2015
 
   Almeno si erano stretti la mano Narendra Modi e Matteo Renzi l’anno scorso al G20 in Australia  . Era una delle prime uscite sulla scena internazionale del leader della destra indiana ancora alle stelle per il trionfo elettorale. Uno scambio di battute ‘veloce’, dice l'Ansa, e una foto ricordo (di cui non ho trovato traccia). 
     Quest’anno (curiosamente, sempre 16 novembre, ma ad Antalya, in Turchia)  manco questo. Anzi nella foto di gruppo erano pure distanti nonostante India e Italia siano vicine in ordine alfabetico.  

    Sulla stampa indiana alla vigilia erano emersi rumors su una possibile bilaterale. Un collega mi aveva perfino chiamato,  entusiasta,  per chiedermi se sapevo di un possibile incontro che secondo lui era in programma. Ma non ho mai trovato conferma né da Roma né da Delhi. 

    Di fatti oggi al briefing settimanale, il portavoce del ministero degli Esteri Vikas Swarup, famoso per aver scritto il libro che ha ispirato The Millionaire, ha chiarito che non c'è stato nessun incontro. Niente. Non si saprà mai chi dei due lo aveva chiesto e chi lo ha rifiutato. O magari più, semplicemente, nessuno lo aveva chiesto sapendo che la questione è ora nelle mani della Corte permanente dell’Aya.
    Chissà perché pensavo che ci potesse essere un tentativo in extremis di dialogare. Un’ultima possibilità di trovare una soluzione diplomatica ai massimi livelli, da 'uomo a uomo', prima di incrociare le spade nei tribunali e lasciare la parola agli avvocati. Nulla di ciò. La faccenda si è ormai incancrenita, a tal punto che non c’è neppure spazio per le cortesie. Muro contro muro.

Ma la Enrica Lexie viaggiava vicino al Kerala per risparmiare sull'assicurazione anti pirati?

New Delhi, 14 ottobre 2015

   La petroliera Enrica Lexie viaggiava sotto la costa del Kerala, a circa 20 miglia nautiche,  per risparmiare? E’ un’ipotesi ma nemmeno tanto buttata in aria che mi è venuta in mente leggendo il comunicato del governo indiano sulla nuova demarcazione della “zona ad alto rischio pirateria” (Ecco qui).

   Come ho scoperto viaggiando a fine settembre su un mercantile dalla Francia all’Oman, c’è una High Risk Area (Hra) per gli attacchi di pirateria in cui le navi devono seguire alcune misure di sicurezza (Best Management Practices (BMP). Nel 2011 questa area era stata estesa dai 65 gradi di longitudine est fino a 78 gradi che significa tutta la costa indiana e pachistana.
   Dato che ci sono rischi maggiori, le assicurazioni hanno aumentato le polizze per i cargo che attraversano la Hra. Con quale conseguenza? Semplice: che le navi cercano finchè possono di stare fuori da questa area per pagare di meno e anche per sicurezza. Come spiegato chiaramente nel comunicato del governo indiano, i mercantili che per esempio sono diretti nel canale di Suez (come la Lexie) navigano lungo la costa indiana per evitare di entrare nella Hra! Qui c'è anche una "circolare" alle navi mercantili emanata dalle autorità indiane dopo l'incidente (qui)